venerdì 28 settembre 2012

Torta salata un po' equivoca...


Come chiamare questa torta salata che pasqualina non è, a parte l'impasto e, spero, la tecnica di lavorazione a veli spennellati di olio?
Ok, anche questo mese ce l'ho fatta a partecipare all'MTChallenge e anche questa volta una vera sfida con veli sottilissimi tirati a "mano" nel vero senso della parola, aiutandosi con i pugni chiusi per non bucare la sfoglia, una pasta profumata e malleabile che userò ancora. Grazie a Vitto per questa bellissima ricetta!


 Ma potevo io ripetere la ricetta base? Certo che potevo! Ma l'ho fatto? (quante domande...) certo che no! Infatti eccomi all'ultimo giorno della sfida, dopo mille indecisioni e ripensamenti con la mia torta ripiena di sapori di Romagna e non solo, un po' mista e forse un po' confusa. Ma partiamo con ordine, di passaggio al super chiedo a mio marito che vino comprare da usare per la pasta, serve un vino bianco secco, sceglie un "Passerina", vino delle Marche, io voglio usare un formaggio locale, lo squacquerone è la prima idea ma poi scovo sugli scaffali un pecorino "scoparolo" tipico romagnolo che mi piace molto e lo metto nel carrello. L'idea di partenza era un ripieno di patate lavorate a crema e arricchite col formaggio, ma perché non aggiungere quel riso venere preso su una bancarella di un produttore biologico? Ci sta così bene col suo aroma deciso e aromatico, deciso. 
Riassumendo: patate, scoparolo, passerina (i romagnoli capiranno), riso venere... se non è equivoca questa torta... però buona, servitela con un filo di miele di castagne e vediamo l'effetto che fa!   :-D



Ricetta:
per la pasta della Vitto:
300 g di farina 0 (meglio manitoba),
30 g di olio evo,
1/2 bicchiere di vino bianco (per me passerina),
1/2 bicchiere di acqua,
un pizzico di sale.
Impastare bene tutti gli ingredienti e dividere in almeno cinque palline (io ne ho fatte sei per uno stampo da 22 cm), lasciare riposare coperte da un canovaccio circa 2 ore.

ripieno:
4 patate medie,
200 g di squacquerone,
100 g di riso venere,
50 g di formaggio di pecora scoparolo a pezzetti,
due cucchiai di parmigiano grattugiato,
1 uovo,
olio evo,
sale,
pepe.
Lessare le patate con la buccia, scolarle e pelarle, pssarle allo schiacciapatate e metterle in una ciotola, lasciare intiepidire. Lessare il riso venere in acqua aleggermente salata per circa 20 minuti, scolare e versare un filo d'olio, mescolare e lasciare intiepidire. Mescolare tutti gli ingredenti insieme, regolare di sale e pepe e tenere da parte.

Accendere il forno a 180°C. Stendere le palline di pasta prima col mattarello e poi aiutandosi con i pugni chiusi fino a formare dei veli sottili, rivestire lo stampo ben unto d'olio e proseguire col secondo velo, spennellare con olio evo tra gli strati di pasta.

Io ho fatto tre strati, versare il ripeno e ricoprire con un altro velo di pasta.


Spennellare sempre con olio e proseguire con un altro velo, a questo punto inserire una cannuccia (meglio se a gomito) sul bordo e coprire con l'ultimo velo di pasta, richiudere e sigillare i bordi della torta e soffiare nella cannuccia per gonfiare l'ultimo strato, sigillare velocemente il bordo e infornare per 40-50 minuti.

alla mia era venuto un bernoccolo!
Fuori dal forno spennellare con olio e l'ultimo velo si dovrebbe abbassare.

Lasciare raffreddare per far assestare i sapori e servire con miele di castagno.




60 commenti:

  1. ho tutto o quasi, quello che non ho mi inventerò.....Strabuona ! Un bacione....in bocca al lupo:)

    RispondiElimina
  2. sto ridendo come una matta!!! Il formaggio di pecora scoparola.... giuro che lo cerco!!!!
    Bellissima, gustosa di sicuro e le sfoglie.... velatissssssime!
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che fatica fare la foto da sola! ciao e grazie :-D

      Elimina
  3. Ma dai!!! In Arabia mi arrestano se faccio una torta così...evocativa ;-)
    Deve essere di un buono...

    RispondiElimina
  4. Certo che il nome del formaggio è equivoco parecchio hahaha ma il risultato di questa torat è spettacolare e il trucco della cannuccia non lo conoscevo proprio..grandeeeee!!baci,imms

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao cara, ti ho visto oggi, sei bravissima!!! (oltre che bellissima!)
      divertente la cannuccia, vero? ciao!

      Elimina
  5. Meravigliosa questa torta complimenti...e che ridere ancora sto rotolando ah ah ah!
    zagaraecedro.blogspot.com

    RispondiElimina
  6. Dev'essere buonissima! Complimenti! Un abbraccio, Manu

    RispondiElimina
  7. ahhh capito perchè equivoca!!!!
    cmq sia è fantastica!
    buona serata!

    RispondiElimina
  8. Anche i siciliani hanno capito alla grande, si chiama alla stessa maniera! :D
    Equivocissima!

    RispondiElimina
  9. hahaha mi hai fatto troppo ridere Francy :D
    Ma com'è che io sono romagnola e non avevo mai sentito parlare di questo pecorino scoparolo?!??? non è possibile che mi manchi un pilastro come questo.
    Questa torta che sto vedendo in giro per i blog è troppo bella...la cosa della cannuccia è davvero forte.

    RispondiElimina
  10. Non amo moltissimo il pecorino ma quello scoparolo è uno dei pochi che mi piace davvero. Beh sarà anche una pasqualina un po' equivoca ma una certezza c'è: quel ripieno è fenomenale :D! Un bacione, buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. una delle poche che lo conosce, buono vero? al di là del nome, che, in effetti, deriva dalla stagionatura sotto saggina che si usa anche per fare le scope, ma che avete capito tutte? :-D

      Elimina
  11. ma è una deliziosa e ricchissima torta "non-pasqualina"... ottimo stravolgimento :D
    felice w.e.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. assolutamente "non pasqualina". Grazie mille, ciao!

      Elimina
  12. Che meraviglia! E che carina l'idea di soffiare con la cannuccia :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in cucina ci si diverte con quelle matte dell'MTC! ciao :-)

      Elimina
  13. quanto mi ispira questo ripieno!il pecorino scoparolo è meraviglioso, immagino quanto ci stia bene!sarà anche afrodisiaca???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille! mah, chissà, perché non provare? :-D

      Elimina
  14. Che ridere ci hai fatto! Ma perchè non dovrebbe essere una Pasqualina? Perchè non ha 33 strati? Maddai, hai sfornato una buonissima torta, golosa, straripiena e quanto alla Passerina, la conosciamo bene e ci piace tanto, sia fermo che nella versione spumantizzata.
    Baciotti da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le giudici sono genovesi doc e non si scherza! :-D
      Grazie e un bacione!!!

      Elimina
  15. Francesca ti è venuta perfetta! E mi piace anche la scelta del ripieno, particolare e gustoso, e la connotazione equivoca gli dà un gusto ancora più originale :D
    Sto seguendo molte di voi con questa torta pasqualina, devo dire sfida molto pesa questo mese, io non sarei mai stata capace. Quindi brava brava

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! :-D
      sempre più difficile, peché non provi anche tu il mese prossimo? :-)

      Elimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  17. Dopo tutte queste ricercatezze nella scelta degli ingredienti, peraltro perfetti, mi viene un fortiiiiiiiissimo desiderio di assaggiare il risultato, confesso!!!!!
    Bella idea e bellissime le sfoglie sottili che si chiudono su l'impasto. Brava Francesca, gran bella torta!
    PS In effetti un po' equivoca la è... ahahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Daniela, detto da te, ligure doc, mi fa molto piacere! :-D

      Elimina
  18. Un vero capolavoro !!! Brava Francesca la tua pasta è perfetta.
    Oggi ho scoperto anche un formaggio "birichino"
    Un bacio.
    Virginia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh già, proprio birichino! grazie
      un bacione :-)

      Elimina
  19. Ahahahahahah!...che delizia però!!! ^_^

    RispondiElimina
  20. hahaha ecco perchè equivoca!!!
    un bacione

    RispondiElimina
  21. UNA TORTA SALATA MOLTO INVITANTE, COMPLIMENTI A QUANTO SEMBRA ANCHE RIUSCITISSIMA. BRAVA
    CLAUDIA

    RispondiElimina
  22. ciao Francy! Anche la tua torta è bellissima, e dev'essere stata altrettanto buona! chissà chi vincerà questa volta l'MTC... io non ci penso mai a vincere, infatti quando ci penso, per un attimo penso "cavolo ma bisogna presentare una ricetta!!" poi rinsavisco: ah ma si, ma tanto mica vinco io! :) un bacino e a presto! sere

    RispondiElimina
  23. io capisco cara... e lo scoparolo è davvero troppo buono, mi ci metti pure il nostro amato squaquerone e che ti posso dire.. una delizia!!!! un bacione

    RispondiElimina
  24. Beh ma che forza!!! Mi intriga questo fatto della cannuccia...qui nei vostri blog è tutto un pullulare di pasqualine e mi piace un sacco la tua versione romagnola!!! Non avevo finora visto in foto l'ultimo strato gonfiato, quindi grazie mille per aver placato la mia curiosità!!!
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  25. Ciao, complimenti per questa torta salata così ricercata sia nel ripieno sia nel modo di chiuderla!
    Dentro un trio insolito per una torta salata, e fuori questa pasta soffiata che la rende molto molto particolare e che saremmo davvero curiose di provare.
    Complimentissimi.
    baci baci

    RispondiElimina
  26. sto ridendo come una matta!
    solo un pochino equivoca? hahahahahaha
    deve essere buonissima
    Vitto

    RispondiElimina
  27. Ahahhaa mi fai morir dal ridere! Ti è venuta una meraviglia per altro. Bravissima :-) Buona settimana!

    RispondiElimina
  28. Fra!!! Ma che bella che è venuta!!! E il ripieno con il riso venere mi piace un sacco!!! Bravissima!!!
    Tantissimi bacini!!!
    Ema

    RispondiElimina
  29. bellissima e vastasella ma immagino che fosse anche molto buona
    :*
    Baciuzzi
    Cla

    RispondiElimina
  30. Bella e buona!!!!!!!!
    La pasta me la segno e la provo anche io!!!!!
    Complimenti
    Ciaooo

    RispondiElimina
  31. Buona buona e perfetta per me che non amo carne e salumi!
    Non so se mi verrebbe....magari provo facendomi dare una mano dal marito ;)

    RispondiElimina
  32. Com'è possibile che ho appena finito di mangiare e guardando questo spettacolo di torta mi è tornata fame?! E' una delizia!

    RispondiElimina
  33. Sarà pure una torta con ingredienti dal nome equivoco ma l'aspetto è delizioso :) L'idea della cannuccia è geniale e sei stata una maestra a tirare la pasta così sottile.. Complimenti!

    RispondiElimina
  34. Mi sembrava radicchio e invece vedo che è riso venere, intanto leggo quelle parole un pò equivoche e mi stavo confondendo...mi piace tantissimo! l'idea del riso è originale, invece di scegliere una verdura, bella idea!!! mi unisco ai tuoi lettori, il tuo blog mi ha "catturato", passa da me se ti va di conoscermi! a presto, claudia.

    RispondiElimina
  35. Sarà anch equivoca ma mi sembra bellissima .....e buonissima!! Poi questa strana pasta mi ispira un sacco, vado a segnarmela subito!!
    Ciao

    RispondiElimina
  36. Ora devi dirci se e` stata anche afrodisiaca con tutti questi riferimenti equivoco.....fantastico il trucco della cannuccia!
    farncesca

    RispondiElimina
  37. bellissima! sei bravissima a fare la pasta così sottile! senti in effetti gli ingredienti di questa torta sono proprio equivoci! cmq io la asseggierei molto volentieri e se avesse effetti afrodisiaci come insinua qualcuno ancora meglio!

    RispondiElimina
  38. Equivoca?!? No figurati :-p !! Forte quel formaggio.. Ahaha non lo conoscevo !! L'hai fatta divinamente la pasta.. Che meraviglia ed il ripieno mi piace un sacco! Baciooo

    RispondiElimina
  39. What a wonderful cake, great recipe! Delicious!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails