martedì 16 dicembre 2014

Dolci regali - perché non c'è due senza tre

E non si sa come ecco il terzo libro della collana MTChallenge! Sempre più bello e ricco.
Questa volta si parte dalla sfida del babà e si spazia con bagne, creme, dolci lievitati degni di un re, appunto  :-D
Tutto questo e anche molto di più, con la solita ironia che alleggerisce questo nutrito e approfondito libro di cucina (ben 130 ricette in totale).
Chiedetelo in libreria!!!



DOLCI REGALI
Collana “I libri dell'MTChallenge”
SAGEP Editori- Genova
Prezzo di copertina: 18,00 euro
Foto: Paolo Picciotto
Illustrazioni: Mai Esteve
Editor: Fabrizio Fazzari
Impaginazione: Barbara Ottonello
  
Acquistando una copia di Dolci Regali, contribuirai alla creazione di borse di studio per i ragazzi di Piazza dei Mestieri (link: http://www.piazzadeimestieri.it/), un progetto rivolto ai giovani oggetto della dispersione scolastica e che si propone di insegnare loro gli antichi mestieri di un tempo, in uno spazio che ricrea l'atmosfera di una vecchia piazza, con le botteghe di una volta- dal ciabattino, al sarto, al mastro birraio e, ovviamente, anche al cuoco. La Piazza dei Mestieri si ispira dichiaratamente a ricreare il clima delle piazze di una volta, dove persone, arti e mestieri si incontravano e, con un processo di osmosi culturale, si trasferivano vicendevolmente conoscenze e abilità: la centralità del progetto è ovviamente rivolta ai ragazzi che trovano in questa Piazza un punto di aggregazione che fonde i contenuti educativi con uno sguardo positivo e fiducioso nei confronti della  realtà, derivato proprio dall’apprendimento al lavoro, dal modo di usare il proprio tempo libero alla valorizzazione dei propri talenti anche attraverso l’introduzione all’arte, alla musica e al gusto.

mercoledì 26 novembre 2014

Muffins da Marte


Marte e i marziani, quanta fantasia ha scatenato il pianeta rosso negli umani della Terra! Ho voluto rendere omaggio a tutta la fantascienza, genere che amo, ma alquanto variegato, si va dal puro intrattenimento, all'umorismo, alla denuncia sociale, sì, perché parlando di civiltà aliene o del futuro, spesso gli autori ci parlano di noi e della nostra società (per esempio gli alieni invasori rappresentano il nemico straniero, durante la guerra fredda "l'invasione degli ultracorpi" descrive la paura delle spie infiltrate nella società americana). Certa letteratura più recente porta a riflettere ribaltando la situazione e descrivendo il punto di vista dell'alieno (il magistrale "Sentinella" di Fredric Brown).
Dovendo sceglierne uno per tutti, il ciclo di John Carter di Marte di Edgar Rice Burroughs, avventura pura e spensierata , il protagonista è un veterano della guerra di secessione che fuggendo dagli indiani si rifugia in una caverna e si ritrova catapultato sul misterioso pianeta, dopo innumerevoli avventure si innamora di una principessa e guida il suo popolo nella guerra contro i nemici verdi. Più classico di così! 
Inoltre l'intrattenimento è assicurato se pensate che dalla penna dell'autore è uscito anche il personaggio di Tarzan, l'uomo scimmia più famoso di tutti i tempi.
Per questi muffins rossi come Marte ho scelto il mio classico abbinamento da MTChallenge: radicchio e Sangiovese, ormai è la mia personale sfida nella sfida e mi manca solo un dolce, ma ci sto lavorando :-D
Grazie a Francesca per la sua ottima ricetta e soprattutto per l'idea di associarla a un'opera letteraria, la mia lista di libri da leggere si sta allungando...

Muffins al radicchio e Sangiovese:
(per 12 muffins)

300 g di farina 00,
150 g di radicchio rosso tondo,
100 ml di vino rosso Sangiovese,
80 g di yogurt naturale scremato,
70 g di burro più una noce,
50 g di parmigiano grattugiato,
50 g di pecorino scoparolo,
2 uova,
uno scalogno,
8 g di lievito per torte salate,
un pizzico di bicarbonato,
olio evo,
un pizzico di sale,
un pizzico di pepe.

Pulire e lavare il radicchio, scolarlo e tagliarlo a striscioline, pulire lo scalogno, tagliarlo a rondelle sottili. Scaldare una padella con un filo d'olio, stufarvi lo scalogno e dopo pochi minuti aggiungere il radicchio, sfumare con un poco di Sangiovese e cuocere a fuoco lento, spegnere e lasciare raffreddare. Accendere il forno a 190°C e sistemare i pirottini per i muffins negli stampi.
Frullare il radicchio insieme a un poco di vino rosso. Sciogliere il burro e lasciarlo raffreddare. Sbattere le uova in una ciotola, unire il burro, lo yogurt, il radicchio frullato e il vino rimasto.
In un altro contenitore setacciare insieme la farine col lievito e il bicarbonato, unire il parmigiano, il sale, il pepe e il pecorino a pezzetti, mesolare il tutto con un cucchiaio. Versare gli ingredienti liquidi all'interno di quelli asciutti e mescolare con un cucchiaio per poco tempo, non più di 10-11 giri di cucchiaio. Versare nei pirottini da muffin riempendoli fino ai 2/3. Abbassare la temperatura a 180°C, infornare e cuocere per circa 20-25 minuti. Appena sfornati distribuire poco burro sulla superficie dei muffins caldi e lasciarlo sciogliere (ne basta pochissimo per mantenerli morbidi), lasciare raffreddare su una gratella.



venerdì 21 novembre 2014

Il nocciolo della questione


Il tema dell'MTChallenge di questo mese è quanto mai intrigante, Francesca ci svela tutti i trucchi per realizzare dei muffins perfetti (o quasi guardando i miei, ma lasciamo perdere...) sia dolci che salati.
Ma siamo all'MT e i giudici più creativi del web si sono inventati una regoletta semplice semplice a complicare il tutto: ispirarsi a un testo letterario, libro, poesia, canzone o fumetto, a scelta, purché l'attinenza con la ricetta sia spiegata e dichiarata.
Rumore di rotelline che girano, già, perché dopo un primo momento di vuoto totale le idee si sovrappongono e si confondono, ma bisogna scegliere, il limite di due ricette è studiato per arginare la fantasia sfrenata dei partecipanti (sagge donne).
Il primo libro che mi è venuto in mente è "Il nocciolo della questione" di Graham Greene, letto molti anni fa in una fase giovanile di libri un po' "pesi" ma che, proprio per questo, rimangono impressi e accompagnano la propria formazione. Credo che questa fase sia comune a molti giovani, spesso con l'età si preferiscono libri più leggeri, alternati a qualche tomo classico ogni tanto, comunque per me non ci sono regole, leggo in maniera disordinata e a seconda dell'umore, praticamente di tutto e di tutti i generi. "Il nocciolo della questione" mi aveva colpito per l'accuratezza dell'introspezione, per la descrizione dei sentimenti, per l'empatia con i personaggi, tutti molto umani e imperfetti ma mai giudicati o condannati. Il protagonista arriva all'angoscia più nera ma la pietà è sempre presente. Scrittore che è anche cattolico che scrive di fede e peccatori ma che non giudica, un autore che stimola la riflessione. Difficile da descrivere, come in molti suoi libri i generi si confondono, poliziesco, spionaggio, generi considerati a torto "minori" dalla critica. Molti suoi libri diventarono film e scrisse diverse sceneggiature, non me ne vorrà, quindi, l'autore, se il suo "nocciolo" è diventato una "nocciola" nel mio adattamento a ricetta!
Purtroppo la cupoletta è quasi assente ma vi assicuro che il sapore e la morbidezza compensano ampiamente.
Ed ecco la ricetta.

Muffins alle nocciole e grano saraceno:
(per 12 muffins)

100 g di farina 00,
100 g di farina di grano saraceno,
100 g di zucchero semolato,
100 g di burro morbido,
125 g di yogurt naturale scremato,
50 g di nocciole,
30 g di miele,
2 uova,
2 cucchiai di cacao,
1/2 cucchiaino di bicarbonato,
8 g di lievito per dolci,
un pizzico di sale,
12 nocciole intere,

40 g di nocciole a pezzi e zucchero semolato per decorare la superficie. 

Accendere il forno a 190°C. Tritare finemente le nocciole. Lavorare a crema il burro con lo zucchero, unire le uova, sbattere bene con una frusta a mano, unire lo yogurt e il miele e tenere da parte.  In un altro contenitore setacciare insieme le farine, le nocciole tritate, il cacao, il sale, il bicarbonato e il lievito. Versare gli imngredienti liquidi all'interno di quelli asciutti e mescolare con un cucchiaio per poco tempo, non più di 10 giri di cucchiaio. Versare nei pirottini da muffin riempendoli fino ai 2/3, inserire una nocciola intera al centro di ogni muffin. Decorare la superficie con le nocciole a pezzi e una spolverata di zucchero semolato. Abbassare la temperatura a 180°C, infornare e cuocere per circa 20-25 minuti.



LinkWithin

Related Posts with Thumbnails