mercoledì 10 marzo 2010

Ciambella Inca-Urka


Devo ringraziare Sabrine per la splendida raccolta di ricette tratte dal "Manuale di Nonna Papera". 






 




 


Grazie a lei sono andata a cercarlo a casa di mia mamma e mi sono resa conto di ricordarmi se non ogni ricetta di sicuro ogni disegno, che spesso abbiamo ricopiato io e le mie sorelle. E' anche istruttivo perché parlando di tanti argomenti storici in modo scherzoso stimola la curiosità e la voglia di approfondirli. La mia passione per i dolci si è nutrita anche di questo ricettario, originale e divertente, e, a distanza di tanti anni, è davvero tenero rileggerlo!  Penso che proporrò più di una ricetta, perché è stato veramente difficile scegliere tra le tante. Oggi ho fatto la Ciambella Inca-Urka, con una giornata così fredda e piovosa avevo proprio bisogno di una coccola semplice  e un po' old-style ma buonissima! Con un tè profumato è l'ideale...Ne volete una fetta?





CIAMBELLA INCA-URKA

"Siamo ansiosamente attesi dal sovrano degli Incas. Abbiamo giusto qui il suo invito. Come scritto come? Con il sistema di scrittura usato dagli Incas: una forma di scrittura con nodi di spago. Ci fosse stato Alessandro Magno...a ogni messaggio avrebbe risposto con un colpo di spada!"

Che cosa occorre:
gr 250 farina di semola; gr 130 zucchero; 3 uova; gr 100 burro; 1 bicchiere di  latte; mezza bustina di lievito; la buccia di un limone grattugiata.

Come si procede:
con un cucchiaio di legno, mescolate insieme il burro e lo zucchero, finché si amalgamano bene. Unite le uova uno alla volta, mescolando sempre, perché l'impasto sia omogeneo, poi la farina, la buccia di limone, il latte poco alla volta e il lievito. Versate l'impasto in un stampo col buco in mezzo, accuratamente unto, e cuocete in forno a 140°C per circa 50 minuti.

(qui in versione nature)

Note:
ho fatto qualche piccola modifica alla ricetta per motivi pratici: ho usato farina 00, secondo voi cosa intende per farina di semola?
Ho usato un vasetto di yogurt agli agrumi invece del latte perché non lo bevo mai ma lo uso solo trasformato in creme e bavaresi :-D, il profumo non mi ha deluso.
Naturalmente ho usato la planetaria (perché no?) e alzato un pochino la temperatura del forno accorciando il tempo di cottura.

29 commenti:

  1. ciao la ciambella è super...chissà che buona! segnata.

    mi puoi dire cortesemente la misura dello stampo?

    credo che x farina di semola s'intenda semola rimacinata di grano duro (io la uso anche i biscotti)

    sentiamo gli altri cosa ti rispondono!!
    ciao e buona serata!

    RispondiElimina
  2. beeeella la ciambella!!!
    devo pensare anche io a nonna papera... accidenti!
    un abbraccio
    ciao francesca!

    RispondiElimina
  3. che bella ciambella!!! altissima e sofficissima a quanto pare.
    Bravissima.

    RispondiElimina
  4. Una ciambella degna di nonna Papera!!

    RispondiElimina
  5. E brava la mia Francy...io ho chiesto alcune ricettine a Sabrine perchè purtroppo non ho il manuale, non appena le riceverò mi metterò all'opera...mah che bella questa ciambella...sento il profumo da qui!Bacio

    RispondiElimina
  6. ciao Francy, ma che spettacolo di ciambella!!!! sei stata talmente brava che sembra fatta direttamente da nonna papera!!!! un bacione

    RispondiElimina
  7. In Italia compravo farina di semola rimacinata forse e` quella!
    la ciambella comunque e` perfetta e....piacerebbe molto ai miei bimbi!
    francesca

    RispondiElimina
  8. Federica: mi sa che hai ragione, io comunque non ce l'ho in casa, è venuta bene lo stesso. Lo stampo è di silicone e il diametro è di circa 18 cm. Ciao e grazie!

    Babs: dai, fanne una anche tu, certo che con tutte le tue attività sei impegnatissima! Ciao!

    Betty: ...e anche buona...slurp!!!

    Maia: grazie! troppo buona...

    Ambra: vedrai, non avrai che l'imbarazzo della scelta. Peccato che tu non possa vedere i disegni, sono carinissimi!

    Fabiana: in effetti il sederotto da papera sta venendo fuori...colpa delle troppe ciambelle? ;-D

    Francesca: penso che sia quella, non so se fa molta differenza, ma così è venuta bene. Un bacio ai bimbi!

    RispondiElimina
  9. davvero una meraviglia questa ciambella e bellissima l'iniziativa di sabine io devo ancora mettemi all'opera per questo contest cmq la ciambella è davvero super,baci imma

    RispondiElimina
  10. Io non l'ho mai avuto il manuale di Nonna Papera e adesso mi rendo conto che e' un peccato. Grazie a questa raccolta vedo passare certe cosine spettacolari .... come questa! Complimenti - Maura

    RispondiElimina
  11. bellissimaaaaa!!!
    ti è venuta stupendamente bene da vera nonna papera:)
    certo che ne voglio una fettina!!!!anche due!!
    con te caldo e profumato ora sarebbe la pausa ideale!
    baci

    RispondiElimina
  12. Imma: chissà cosa riuscirai a realizzare tu! La maga dei dolci!

    Maura: se vuoi ti mando qualche ricetta, scrivimi! Che bello conoscerti!

    Chiara: beh, a quest'ora ci vorrebbe proprio, ne è rimasta giusto una fettina...

    RispondiElimina
  13. Che meraviglia la tua ciambella, complimenti.

    RispondiElimina
  14. urca che buona!!!! è proprio il caso di dirlo!!

    RispondiElimina
  15. ciao francy...passa a trovarmi

    RispondiElimina
  16. alla faccia di tutti i ricettari..questo è ancora il più affidabile?:D

    RispondiElimina
  17. Federica: per così poco, ciao!

    Chabb: Grazie! Ciao!

    dauly: grazie! :-D !!!

    Fabiana: grazie mille! appena posso lo posto!

    Genny G.: non so se è il migliore, ma sicuramente le ricette sono semplici, buone e ci riportano all'infanzia, quando bastava una ciambella a rallegrare la giornata e fare festa!

    RispondiElimina
  18. bellissima la tua ciambella!!!ne prenderei volentieri una fetta!!!!complimentissimi e grazie per essere passata a vedere il mio salame vichingo!!!...e per quanto riguarda il paninazzo....in fondo sempre salame e'!!!?!!!ciao...a presto...

    RispondiElimina
  19. Cara Francesca,
    grazie mille per questo tuo bel contributo alla raccolta di ricette tratte dal Manuale di Nonna Papera per festeggiare insieme i quarant'anni dalla sua prima uscita. La ciambella è perfetta, e davvero vien voglia di approfittare del tuo invito... ma soprattutto è perfetto il tuo post! Perché hai compreso appieno lo spirito di questa iniziativa, che intende valorizzare un testo per bambini unico nel suo genere, non solo per le ricette ma anche per le immagini, le digressioni storiche e il linguaggio. Grazie dunque, per avere lasciato a Nonna Papera tutto lo spazio che merita, separando le tue annotazioni (interessantissime...) dalle sue.
    Corro dunque ad inserire il tuo link nell'elenco della raccolta, con la speranza che vorrai partecipare ancora, con qualche altra ricetta. Grazie ancora, di cuore. A presto!

    Sabrine

    PS: direi che la farina di semola è quella farina di grano duro, un po' più giallina di quella di grano tenero, che si trova facilmente in commercio e si usa per fare il pane (almeno a casa mia...)

    RispondiElimina
  20. Clavirste: (chissà quante volte ti hanno chiesto di ripeterlo...) sono contenta di averti conosciuto e ti seguirò in futuro, dal tuo profilo abbiamo caratteri simili...grazie della visita e a presto!

    Sabrine: Grazie a te Sabrine!!! Chissà che l'editore non si decida a una ristampa grazie alla tua iniziativa! Per le ricette c'è solo l'imbarazzo della scelta...a presto!

    RispondiElimina
  21. magnifica sotto ogni punto di vista, dopo 40 anni è ancora attuale secondo me

    RispondiElimina
  22. Sto amando anche io questa raccolta!!!
    la tua ciambella è venuta uno splendore!!!
    Nonna apprezzerebbe:)

    RispondiElimina
  23. Da provare sicuramente, ti è venuto benissimo, mi piace!!
    Elisa

    RispondiElimina
  24. Ciao, oltre a ripetermi nei complimenti, posso anche chiederti come l'hai decorata?

    RispondiElimina
  25. @Mela: ciao! ho fatto una glassa leggera con zucchero a velo e acqua, deve essere abbastanza densa per non colare completamente.

    RispondiElimina
  26. Io con le glasse ho un pessimo rapporto: non è che ricordi le dosi per una ciambella?

    RispondiElimina
  27. @Mela: io faccio a occhio, prova con due o tre cucchiai di zucchero a velo e aggiungi poco per volta dell'acqua calda, ma poca, altrimenti è troppo liquida. Ciao!

    RispondiElimina
  28. Vedi? Certe volte le cose sono semplici ed uno nemmeno le pensa!
    Grazie per la dritta, così dovrebbe essere molto facile da realizzare!
    ;-)

    Appena la faccio, ti faccio sapere, e ti cito!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails