giovedì 23 febbraio 2012

Giovedì: gnocchi con Puzzone di Moena

Ho scoperto che in più di due anni di blog non ho mai postato la ricetta degli gnocchi di patate. So che l'umanità sopravviverà comunque, ma, nel mio piccolo, voglio rimediare  :-D
Il tempo migliora rapidamente e la primavera arriverà all'improvviso e questi piatti ricchi e calorici non ci faranno più molta gola. Invece qualche sera fa ce lo siamo proprio gustato... e ho finito un bel pezzo di Puzzone di Moena che faceva sentire la sua presenza anche fuori dal frigo e che inquietava non poco mio marito... sì, perché il nome del formaggio è davvero azzeccato! Ma quanto è buono, e in più ha il potere di riportarmi ai bei giorni dell'infanzia e alle vacanze in Val di Fassa, magia dei "profumi"!
Quando si assaggiano i veri gnocchi fatti in casa non si scordano più, mi piacciono moltissimo, ci vuole un po' di pazienza ma tutto sommato, in poco tempo sono pronti, volendo si può saltare la classica rigatura e lasciarli semplici, oppure aggiungere ogni tipo di ingrediente all'impasto e creare ricette sempre nuove, il mio condimento preferito è una semplice passata di pomodoro. E allora gnocchi!

Gnocchi di patate (per due buone forchette o 4 a dieta!):

700 g di patate,
200 g di farina 00 (circa),
sale,
noce moscata
(1 uovo, ma io non lo metto).
Lessare le patate intere con la buccia in abbondante acqua leggermente salata. Meglio usare patate di dimensioni simili, quando saranno cotte (infilare una forchetta o un coltello per saggiare la cottura), scolare e sbucciare. Lasciare intiepidire e schiacciare con lo schiacciapatate sulla spianatoia infarinata, aggiungere la farina e tenerne un po' da parte per la formatura, aggiungere una grattugiata di noce moscata, regolare di sale e amalgamare il tutto (c'è chi aggiunge un tuorlo o un uovo intero ma io non lo metto). Formare dei bastoncini delle dimensioni di un grosso dito e tagliare a tocchetti regolari, passare con il pollice ogni tocchetto sui rebbi di una forchetta o sul retro di una grattugia per formare la tipica rigatura, non premere troppo per non disfarli. Lasciarli distanziati e infarinati per non farli appiccicare tra di loro.

Condimento e preparazione:

150 g di Puzzone di Moena,
una fetta di emmenthal,
oilo evo,
burro.
Far bollire abbondante acqua in una pentola sul fuoco, intanto tagliare il formaggio a dadini, scaldare l'olio evo e una bella noce di burro in una grande padella, aggiungere il formaggio e lasciare fondere lentamente, aggiungere un po' di acqua bollente e mescolare bene, quando l'acqua bolle salare e versare gli gnocchi, appena vengono a galla (ci vuole pochissimo tempo) raccoglierli con un mestolo forato e versarli nella padella col formaggio, amalgamare bene e servire.


___________________________________________

Vi segnalo che è possibile prenotare il libro curato da Patrizia in collaborazione con 250 bloggers per la casa famiglia di Rocchetta Vara, qui tutti i dettagli

38 commenti:

  1. Buonissima mi piace questa cremosità degli gnocchi!

    RispondiElimina
  2. Amo moltissimo gli gnocchi e allegato al numero di questo mese di Sale e Pepe c'é un inserto monotematico, proprio sugli gnocchi!! Penso che lo sfrutteró moltissimo.
    Ottimi questi, cremosissimi e saporitissimi: e si sopporta anche il Puzzone....
    Baci!!
    Giuli

    RispondiElimina
  3. Per un piatto di gnocchi così non so cosa darei, l'abbinamento con il puzzone di Moena è fantasticooooooooooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  4. beh, quel formaggio è troppo buono! con gli gnocchi poi.. la morte sua!!

    RispondiElimina
  5. Conosco questo formaggio solo di nome ma i tuoi ganocchi hanno un aspetto da...acquolina ^_^ baciotti, buona giornata

    RispondiElimina
  6. Adoro gli gnocchi e con questo condimento sono irreisistibili. Buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  7. Sai che adesso che ci penso neanche io ho postato la ricetta degli gnocchi? sara' che in casa mia sono talmente comuni che non li considero neanche "postabili". Ma quanto sono buoni!!
    Mi hai fatto ridere con la cosa del puzzone, lo conosco bene...anche io da piccola andavo in vacanza in Val di Fassa ;-)

    RispondiElimina
  8. Che buffo questo nome, mi fa sorridere. Ma deve essere un piatto di gnocchi delizioso!! Stupende anche le cupolette qui sotto al cioccolato e lamponi. Ho lo stesso stampo. Le voglio fare assolutamente!! :)

    RispondiElimina
  9. ma super gnam!! Questo è un piatto straordinario! Alla fine è semplice ma piace assolutamente a tutti!

    RispondiElimina
  10. Mamma mia che meraviglia, ho appena pranzato ma ti dirò...mi sta tornando l'appetito a vedere i tuoi gnocchi, così cremosi. e poi è vero, anche se non ho un odore molto gradevole, il Puzzone di Moena è buonissimo! ciao

    RispondiElimina
  11. gli gnocchi sono a regola d'arte..questo condimento è fantasticoooooooooo!!!

    RispondiElimina
  12. Conosco bene quel formaggio ed é davvero ottimo, anche se il "profumo" che emana é un pochino forte! I tuoi gnocchi sono una meraviglia, bravissima!

    RispondiElimina
  13. Belli cremosi!!! Una vera goduria!!
    BRAVA :)

    RispondiElimina
  14. Mamma che buoni!!! Questi sì che scaldano lo stomaco!!!!

    RispondiElimina
  15. Che favolosa visione!Proprio qualche sera fa stavo parlando del "nostro" Puzzone ad un'amica di Udine e vederlo qui filante sopra degli squisiti gnocchi fatti in casa, bhe .. che fameeeee!Baci

    RispondiElimina
  16. Per quanto puzza quel formaggio lo adoro e credo che i tuoi gnocchi siano superlativi, ciao.

    RispondiElimina
  17. quel formaggio ha un nome che esprime veramente la sua essenza ma è davvero buono.. come i tuoi gnocchi! a presto

    RispondiElimina
  18. Fantastico il puzzone di Moena, mi fanno una gola sti gnocchi...

    RispondiElimina
  19. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  20. ....gnocchi preparati a mestiere!! l'aspetto è semplicemente favoloso.
    Si,si... da oggi ti seguo anch'io!!
    baci e passa anche da me se ti va!

    RispondiElimina
  21. ciao.. sono una tua compaesana.. tra l'altro abbiamo anche un amico in comune.. comunque ti ho dato un premio che puoi "ritirare" sul mio blog..
    bello, bellissimo il tuo "servizio fotografico" di ravenna sotto la neve!!!
    http://ombelicodivenere.blogspot.com/2012/02/premio-cake-blog-di-qualita.html

    RispondiElimina
  22. sono da un po infedele al motto, giovedi gnocchi ma devo rirpenderlo magari con un buon formaggio come hai scelto tu

    RispondiElimina
  23. Bellissimi! Brava, sono splendidi e saranno anche ottimi. Ho aperto anche io un blog di cucina, sono ancora agli albori ma ci sto lavorando...dacci un'occhiata mi farebbe piacere.
    A presto,
    Celeste

    RispondiElimina
  24. Ma che buoni questi gnocchi,complimenti! è stato un piacere passare da te,mi unisco ai tuoi lettori,da oggi ti seguo così potrò seguirti!Se ti va passa da me!A presto...Molly

    RispondiElimina
  25. evviva gli gnocchi, evviva il puzzone di Moena!!!! Buon we!

    RispondiElimina
  26. CIOA SAI CHE HO PROPRIO VOGLIA DI FARE GLI GNOCCHI.. ED SONO ANNI CON NON LI FACCIO QUINDI SEGUIRò LA TUARICETTA MAGARI OGGI STESSO GRAZIE SIMMY PS POI TI CITERò NATURALMENTE

    RispondiElimina
  27. BUONISSIMI QUESTI GNOCCHI ......E' ANCHE L'ORA GIUSTA PER FAVORIRE...BENTROVATA E BUONA SETTIMANA!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  28. mai assaggiato questo formaggio ma complimenti per gli gnocchi sono perfetti!

    RispondiElimina
  29. Ciao! Complimenti per il tuo bellissimo blog e la tua passione nelle ricette!
    Mi unisco volentieri ai tuoi lettori..
    Se ti va di passare a trovarmi mi trovi qui:
    www.dolcebenessere.com
    Sono una dolciaria!
    Grazie!
    Un abbraccio.. Kika

    RispondiElimina
  30. Sono d'accordo, un piatto meraviglioso e con quel formaggio "profumato" una vera goduria!!!
    Baci

    RispondiElimina
  31. Buoni gli gnocchi!!! e approvo la dose da due buone forchette! Lo scorso we anche io li ho fatti.. 6 porzioni con 2,5 kg di patate :)

    RispondiElimina
  32. Anche a me gnocchi e puzzone ricordano l'infanzia. Gli gnocchi perché erano una passione della mia mamma e il puzzone perché, come te, trascorrevo parte delle mie vacanze in Val di Fassa!

    RispondiElimina
  33. Buoniiiii!! mamma mia che voglia di addentarli :) il tuo blog è troppo carino..ultimamente prendo ricette solo da qui e dal cookbook di Santa Cristina! soddisfattisima! Continua così! Saluti dalla Toscana, Emma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Emma, mi fa molto piacere! ciao :-D

      Elimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails