lunedì 28 gennaio 2013

I pici più fighi del web


E che sono fighi non lo dico io ma Lui: il cuoco più figo, anzi, chef... Carlo Cracco!


E adesso faccio outing: io, sono fighissima, io, lo scalogno, lo uso da anni! Senza nemmeno sapere che fosse figo, e anche tutta la Romagna, visto che qui si coltiva lo scalogno di Romagna Igp!


E si fa un sughetto buonissimo e delicato, per cui mio marito va matto, delicato perché lo scalogno, piccolo come l'aglio, ha un sapore molto meno marcato rispetto alla cipolla.
Il suo nome deriva dalla città di Ascalona, nel Medio Oriente, dal cui porto giungevano le navi che dall'Asia lo portavano fino a noi in Europa.
E ora che ho la coscienza più leggera passiamo alla ricetta  :-D
La ricetta è di Patty che ha vinto l'MTChallenge di novembre e che ci ha porato nella sua magnifica terra di Toscana svelandoci tutti i segreti per preparare dei gustosi pici fatti rigorosamente a mano, come da tradizione per L'MTC, altrimenti che gusto c'è?



Pici allo scalogno:

(per 2 persone)

150 gr di farina 00,
75 gr di farina di semola rimacinata,
2 generosi cucchiai d’olio extra vergine,
1 pizzico di sale,
acqua – qb –
"Nota: La quantità di acqua è variabile dal tipo di farina che userete. In genere per questa quantità di farina un bicchiere o poco meno è sufficiente, ma sta a voi osservare quanta ne incorpora il vostro impasto per essere morbido e malleabile.
La proporzione dell'uso delle 2 farine è sempre 2:1, ovvero due parti di 00 ed una di semola rimacinata che conferisce struttura all'impasto. In questa maniera non avrete bisogno di uova. 
Fate la fontana con le due farine miscelate. Versate l’olio, il pizzico di sale e cominciate a versare lentamente l’acqua, incorporando la farina con una forchetta. Attenzione al sale. Non esagerate perché questo indurisce la pasta.
Quando la pasta comincerà a stare insieme, cominciate ad impastare con energia utilizzando il palmo delle mani vicino ai polsi. Se necessario, aggiungete acqua o farina.
Piegate la pasta su se stessa come quando impastate la pasta all’uovo e non stirate mai troppo l’impasto per non sfibrarlo. 
“Massaggiate” con energia per almeno 10 minuti. Ricordatevi che la vostra “palla” di pasta è una cosa viva, dovete volerle bene.
Dovrete ottenere una pasta liscia, vellutata e abbastanza morbida.  
Fate riposare una mezz’ora avvolta nella pellicola.
Quando la pasta è pronta, tagliatene un pezzetto e fatene una pallina, quindi sulla spianatoia stendetela con il matterello ad uno spessore di 1 cm. Con un tagliapasta o un coltello affilato, tagliate tante striscioline larghe c.ca 1 cm e coprite il resto della pasta con la pellicola affinché non si secchi.
Cominciate a "filare" i pici, rollando la pasta con il palmo delle mani e contemporaneamente stirandola verso l'esterno. Quando si tirano pici molto lunghi, la tecnica è quella di tirarli da un lato tenendo l'altra estremità con il palmo e piano piano allungandoli fino ad esaurire la pasta. Una volta tirato il vostro picio, fatelo rotolare nella farina di semola o di fioretto affinché non si appiccichi agli altri. Una pasta morbida e riposata si tira con estrema facilità. 
Ricordate che la pasta cresce nella cottura. Il picio non deve essere troppo grosso altrimenti vi troverete con una pasta grossolana. La dimensione corretta è più o meno quella del bucatino.
Ricordatevi di spolverare i vostri pici con farina di semola o fioretto una volta fatti. Smuoveteli ogni tanto nella farina per fargli asciugare e non appiccicarsi. E scuoteteli con delicatezza prima di immergerli in acqua."



per il condimento (ricetta mia):

150 g di scalogni,
due cucchiai di polpa di pomodori in pezzi (ho usato quella in scatola),
sale, 
pepe,
olio evo,

pulire gli scalogni e tagliarli a rondelle sottili, scaldare l'olio evo in una padella capiente e farli appassire, aggiungere poca acqua calda per non farli bruciare e lasciarli stufare lentamente, aggiungere il pomodoro e continuare la cottura, quando i pici saranno cotti scolarli e versarli nella padella, mantecare il tutto e aggiungere il pepe macinato fresco.

 
 

33 commenti:

  1. sei stata bravissima...un piatti che mette davvero "acquolina"!!!!
    bacione cara

    RispondiElimina
  2. Anche io ho "piciato" oggi.
    I tuoi sono proprio...fighi :-D

    RispondiElimina
  3. buoni!! anche io uso da sempre lo scalogno. I miei figli non lo possono soffrire, ma a me piace tanto! e anche io ho comprato il libro di Cracco, che trovo ben fatto e simpatico.
    Brava! Buona settimana e a presto!

    RispondiElimina
  4. Oh tiè, ero fighissima pure io e non lo sapevo! Mi piace tantissimo lo scalogno e lo uso spesso. Quella che è una stata una vera scoperta è che si può usare non solo come “aroma” ma proprio come verdura. Il tuo sughetto mi ispira da matti :) Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
  5. Fra!!! Sono venuti benissimo e sono FIGHI davvero!!! Il tuo sughetto allo scalogno deve essere una delizia :)! Cracco sarebbe fiero di te ;)! Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  6. Cracco e fighissimo, lo scalogno e fighissimo e tu sei il top tesoro questi pici sono stragustosi!!bacioni,Imma

    RispondiElimina
  7. sembrano più che buonissimi e ti dirò, devo essere anche fichissima perchè lo scalogno mi piace molto, quando non volgio il sapore forte della cipolla e anche l'aglio non lo volgio sentire...scalogno! anche caramellato in padela per accompagnare la carne, più buono della cipolla!

    RispondiElimina
  8. Ecco vedi mica sapevo che lo scalogno fosse figo!!! ho sempre usato lo scalogno, in romagna è un po' come la piadina...mi sa che Cracco non lo sappia :DD
    Comunque i tuoi pici sono fighissimi di loro, scalogno o non scalogno.

    RispondiElimina
  9. bellissimi i tuoi pici! ho anche io questo libro di Cracco sul comodino... un abbraccio

    RispondiElimina
  10. E sì che son fighissimi! Lo scalogno ha un sapore molto particolare e in certi casi a me piace di più della cipolla: ergo, i tuoi pici devono essere buonissimi oltre che fighissimi :D
    Un bacione cara :*

    RispondiElimina
  11. Anche noi siamo fighi allora, lo scalogno in casa nostra non manca mai!!!!!!!!!!! I tuoi pici con quel condimento semplice, ma gustosissimo per noi sono una botta di vita, evvai, sei grande!
    Bacioni da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  12. Sta cosa che lo scalogno è figo non la sapevo ...anche io sono sempre stata fighissima allora! Bellissimi i tuoi pici ;-)

    RispondiElimina
  13. Anni fa ho assaggiato a MI una focaccia con lo scalogno favolosa: e sì è figo!

    RispondiElimina
  14. sei tu, la vera strafiga. e non c'è scalogno che tenga :-)
    Grazie, Francy, grande ricetta anche questa volta!

    RispondiElimina
  15. Anche io strafaiga!!! Lo scalogno lo uso sa sempre e lo metto ovunque!!!! Questi pico sono oltre che fighi sicuramente strabuoni!!!! Baci

    RispondiElimina
  16. O_O stupendiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!

    RispondiElimina
  17. Ha ha...anch'io strafiga perché uso quasi solo lo scalogno...la fortuna di vivere in Romagna eh??
    Stupendi i tuoi pici! Un bacione

    RispondiElimina
  18. grande francy, il nostro scalogno è una delizia e come sugo per i tuoi pici sono fantastici!!! davvero fighissimissimi!!! un bacione

    RispondiElimina
  19. Io a Cracco glielo direi proprio che lo scalogno lo usavi prima tu....e tutta la Romagna che non solo è figa, ma è pure tanto, tanto buona!!!!!

    Immagino un sapore delizioso:))

    RispondiElimina
  20. eh si i tuoi pici sono proprio fighi ;)
    bacioni

    RispondiElimina
  21. Per essere fighi lo sono, e anche molto! Chissà come erano buoni poi...!

    RispondiElimina
  22. sono toscana ma non ho MAI mangiato i pici!!! aiutooo! anche io adoro lo scalogno, quel sughino deve essere delizioso! baci

    RispondiElimina
  23. Evvai fighissima, ottimi questi pici! Mi piacciono da impazzire cipolle e familiari, lo scalogno è vero, è più delicato, ma rimane comunque sempre un po' ostico. Ma questo primo è da urlo. Baci

    RispondiElimina
  24. sei fantastica. lo penso davvero. e così alla fine hai piciato anche tu (ti stavo aspettando), ma dimmi, non ti sei stressata come me? no, perchè io l'ho trovato un vero LAVORONE. comunque per gli scalogni, ottima scelta: anche a me piacciono tanto, e da tantissimo tempo! un bacino e buona serata, sere

    RispondiElimina
  25. In romagna si è figli per nascita :-))
    lo scalogno lo preferisco all'aglio

    RispondiElimina
  26. scalogno tutta la vita! ecco ho fatto outing anche io :-) hai reso omaggio alla terra e alla tradizione dei pici, con un sugo pieno di sapore!
    bravissima !
    bacioni, Francy

    RispondiElimina
  27. Fantastici e gustosissimi questi pici e in bocca al lupo per l'MTC!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  28. Ricetta superfiga per chiudere in bellezza una rassegna di meravigliose ricette, E adesso che ho finito la lettura di tutti i post ho quasi la malinconia. Un piatto stupendo carissima, povero al punto giusto ma con il sapore che deve avere e che sicuramente toglie la voglia di parlare.
    Ti ringrazio di cuore per il tuo contributo. Un fortissimo abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  29. E certo che sei superfighissima!!! Buoni i tuoi pici :P

    RispondiElimina
  30. complimenti sono veramente stupendi!!!anch'io uso molto lo scalogno ...ma non certo per fare la "superfiga"!!!!se ti fa piacere passa da me....un saluto....

    RispondiElimina
  31. Grande!!! Anch'io lo scalogno lo uso da anni :) che fighe che siamo ahahaha!
    Grazie per gli auguri, un abbraccio

    RispondiElimina
  32. Ahahahah, mi hai fatto proprio ridere...lui è sicuramente fichissimo e bonissimo, ma quando ho letto il titolo del suo libro mi sono detta: no con un titolo così non glielo compro proprio! Ma perchè un titolo del cavolo così???
    che aveva paura di non vendere???
    e òla tua ricetta è superfichissima!!!
    ciao!

    RispondiElimina
  33. Ahahahaha in effetti non ho capito perché la maggior parte della gente usi solo ora lo scalogno.
    Io invece non lo amo molto.
    Adoro la cipolla perché mi piace il suo sapore marcato e se voglio un sapore più delicato uso il porro.
    Forse perché amo rimanere fuori dai soliti schemi? Mah.
    Comunque sia per un sughetto così potrei assolutamente fare un'eccezione! :)
    Buona giornata eh

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails