lunedì 9 gennaio 2012

Oro, incenso... e formaggio!


Eccomi di ritorno sul web dopo un po' di vacanza natalizia. E la prima sorpresa: inizio l'anno con un post salato! :-D
Oggi vi presento una ricetta tipica del mio territorio, la Romagna, grazie al bellissimo contest di Simona's Kitchen "Cib'arte" che ci fa riscoprire i monumenti e le bellezze artistiche che ci circondano


Ho la fortuna di vivere in una città, Ravenna, che vanta ben 8 monumenti appartenenti alla lista del patrimonio mondiale dell'Unesco ma la scelta è stata facile, complice il mosaico raffigurante i re magi (lo so che non sono una blogger efficiente e l'epifania è passata ma non da molto...) oggi vi parlerò della basilica di Sant'Apollinare Nuovo.


"E' Ravenna, già capitale dell'Impero romano, porto mercantile, melanconico capoluogo di provincia che sonnecchia sotto il lume delle sue raffinerie e meraviglia assoluta del mondo cristiano.
Chiuso in una rozza e povera scorza di mattoni , il Vangelo è qui, preso alla fonte, splendente di luce interiore: la mano rossa e rugosa della città si apre su manciate di zaffiri.
L'arte è a Firenze, il sogno a Venezia, la gloria a Roma. Nel suo incavo di terracotta, l'acqua pura della contemplazione è a Ravenna.

... Al seguito dei re magi variopinti, le vergini e martiri, vestite di candore e di sole. Tutte simili e tutte differenti, la testa china come i gigli alla brezza, vanno con passo identico per il loro prato di smeraldo e di fiori, fra le palme che sovrastano le aureole come una sorta di acclamazione."

(da "Il Vangelo secondo Ravenna" di André Frossard)



La basilica di Sant'Apollinare nuovo fu fatta erigere da Teodorico all'inizio del VI secolo d.C.  nei pressi del suo palazzo imperiale, il campanile risale al IX o X secolo mentre il portico in marmo venne rifatto nel XVI secolo.


Vi venivano celebrati i riti di culto ariano (un'eresia che negava la natura divina di Cristo), quando, dopo il 540, il culto cattolico tornò dominante nella città ci fu una riconsacrazione e purificazione dei templi ariani, anche la decorazione in alcuni casi è stata rimaneggiata, per esempio all'interno del Palazzo di Teodorico sono stati cancellati dei personaggi legati all'eresia e alla corte dell'imperatore e sostituiti con tendaggi ma si possono ancora notare sulle colonne le mani e le braccia delle figure in preghiera:


La ricchezza della decorazione bizantina si estende ai pavimenti e ai rivestimenti, guardate la complessità e leggerezza di questa transenna in marmo:



In una mattinata di vacanza splendente di sole mi sono mescolata ai tanti turisti che ogni giorno si incontrano in città e ancora una volta sono entrata a contemplare queste meraviglie, ci torno spesso e mi piace accompagnare parenti e amici che abitano lontano.
Tornando ad argomenti meno nobili e spirituali, la visita mi ha ispirato l'abbinamento gastronomico, questa pasta ripiena non vi fa venire in mente le tessere d'oro dei mosaici?   :-)


Trattandosi di una ricetta tipica l'argomento è delicato! Ognuno ha la sua versione, la sua ricetta e anche un nome diverso...
La mia famiglia non è romagnola, quindi ho fatto molte domande ad amici e parenti di mio marito, romagnoli doc.
Se avete ulteriori notizie o commenti scrivete, ne sarei felice!

"Sfoja lorda" o quadretti ripieni al formaggio

Si tratta di una pasta fresca all'uovo ripiena di formaggi. Quando avanza il ripieno dei cappelletti si spalma sulla metà di una sfoglia, si sovrappone l'altra metà di sfoglia, si preme leggermente con le mani e si ritagliano dei quadratini con la rotella (chiamata "sprunella", l'ho scoperto adesso...) e poi si servono in brodo o, più raramente, asciutti con del sugo di verdure.



A Ravenna i cappelletti sono ripieni di solo formaggio, la ricetta precisa non ce l'ho, come le nonne tutti fanno a occhio, ma il migliore a detta mia suocera è:

molto parmigiano stagionato grattugiato,
poco formaggio morbido (ricotta, raviggiolo o formaggio di campagna),
uovo intero sbattutto q.b.,
abbondante noce moscata grattata.

E finalmente questo Natale ho fatto i miei primi cappelletti romagnoli:
(la forma è tipica e all'inizio ho dovuto combattere con i miei geni, modenesi per parte di nonna, modificati per produrre tortellini piccolini ma che, ahimè, mio marito non mangia per via della carne)


Spero che questo viaggetto a Ravenna vi sia piaciuto!

48 commenti:

  1. grazie per averci tutti portati a Ravenna!! buoni i raviolini ripieni di formaggio..

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia quei mosaici. E che delizia questa pasta. Così piccina che non avrei mai immaginato potesse essere ripiena. Un bacio, buona settimana
    P.S. i cappelletti sono bellissimi e perfetti :)

    RispondiElimina
  3. Bellissima ricetta! E favoloso anche l'accostamento tra le tessere dei mosaici e la pasta fresca! Siete tutte bravissime, sarà molto, molto difficile scegliere le migliori! Grazie, Simo!

    P.S.: aspetto il tuo indirizzo per poter spedire il libro!

    RispondiElimina
  4. Favolosa ravenna e favolose le tue sfoglie.
    saluti francesca

    RispondiElimina
  5. La mia passione per i mosaici parte proprio da Ravenna, le tue foto sono bellissime, ma quando, ormai qualche anno fa li ho visti di persona sono rimasta a bocca aperta, davvero un tesoro preziosissimo. Non conoscevo la tua ricetta, ma mi ha fatto quasi lo stesso effetto dei mosaici ;) pasta ripiena di formaggi in un formato cosí carino non potrà piú mancare in casa mia. Grazie! Babi

    RispondiElimina
  6. Ottima ricetta e fantastica Ravenna, una città che mi è rimasta nel cuore!Baci e buona settimana

    RispondiElimina
  7. Accidenti, i mosaici sono bellissimi ma le tue tessere perfette ;-) e che dire dei cappelletti!
    A Ravenna sono stata taaaaanti anni fa, ma ero piccina e non ricordo granchè. Ci tornerò.

    RispondiElimina
  8. Di Ravenna ho dei ricordi stupendi, purtroppo risalenti a moltissimi anni fa... mi piacerebbe tornarci! Ma anche la ricetta sembra deliziosa!

    RispondiElimina
  9. Buon 2012!! Non è che tra i buoni propositi del nuovo anno c'è una bella ricetta cotta al VAPORE ?!

    Ti aspetto !!

    http://www.archcook.com/2011/11/una-nuova-sfida-contest-cottura-al.html

    RispondiElimina
  10. Caspita per essere stata la tua prima volta sei andata alla grande , sono perfetti!

    RispondiElimina
  11. che spettacolo questi cappelletti, e poi ti dico la sincera verità, Ravenna non la conosco per niente, grazie delle belle foto!

    RispondiElimina
  12. Ciao che delizia i tuoi cappelletti, con questo freddo me ne mangerei volentieri un piattino!!!

    RispondiElimina
  13. Ciao carissima, c'è una sorpresa per te... indovina? http://cookingmovies.blogspot.com/2012/01/and-winner-is.html
    mandaci una mail con il tuo indirizzo!

    RispondiElimina
  14. Ravenna e' una citta' magica, piena di arte, storia e monumenti splendidi. Le sue chiese e i loro mosaici mi hanno emozionata e commossa fino alle lacrime. Ne conservo un bellissimo ricordo, anche perche' legato ad uno dei periodi piu' felici della mia vita. Di questa Sfoja lorda non ricordo di aver mai sentito parlare, ma sembra squisita, come tutti i piatti della tua terra, del resto. Complimenti anche per il brodo cristallino!

    RispondiElimina
  15. Buon Anno Francesca!!! che bella quella chiesa, tutte le volte che la vedo mi lascia incantata. Si Ravenna ha delle meraviglie artistiche stupefacenti.

    Sai che a casa mia invece questa pasta non l'ho mai vista fare? si vede che non rimane mai del ripieno dei cappelletti :-) (ma quanto sono buoni vero?)
    Provero' a chidere a mamma e zie per capire se la conoscono.

    RispondiElimina
  16. @Luisa: grazie a te per la visita! un bacione!!!
    @Federica: grazie! piccola e ricca come le tessere anche se non è d'oro... a presto! :-D
    @Simona: grazie! Sono felice che ti sia piaciuta, ti scrivo!
    @Francesca: grazie mille carissima! :-)
    @Babi: anche tu appasionata di moasici? mi fa molto piacere! La pasta è tipica da noi, fammi sapere, ciao!
    @Meggy: ne sono felice! un bacione!
    @Stefania: grazie! Quando avrai occasione mi piacerebbe farti da Cicerone, inizio a ripassare un po' di storia! :-)
    @Serena: mi raccomando, se passi ti porto in giro io! ciao! :-)
    @archcook: chissà, passerò a vedere! ciao!
    @Mary: grazie mille! ciao!
    @Stella: grazie! Mi fa piacere che ti sia piaciuta, anche se c'è molto altro da vedere!
    @pannifricius: eh sì, d'inverno i cappelleti in brodo sono l'ideale! ciao!
    @Strawberry blonde: eh già: grazie mille!!! :-D
    @Passiflora: Grazie mille!!! che bello! :-D
    @Roberta: Grazie! Ne sono felice! Magari tornerai, un giorno? :-)
    (il brodo è molto filtrato per esigenze fotografiche...)
    @Elenuccia: Grazie! Penso che le ricette cambino anche a pochi chilometri di distanza! O cambia solo il nome, chissà. Buon anno anhe a te! :-)

    RispondiElimina
  17. ma è meraviglioso quel formato di pasta! non lo avevo mai visto prima mi piace ^_^ complimenti

    RispondiElimina
  18. ravenna! continuo a sentirmi colpevole di abitare in provincia e di non conoscerla. devo porre rimedio. la sfojalorda è perfetta, la mamma me la preparava con un pochino di mortadella nel "batù" o nel "compenso" che dir si voglia. per i cappelletti (alla faentina come dico io) ho la stessa ricetta. un buon anno in ritardo. sì

    RispondiElimina
  19. Non conoscevo questo formato di pasta che trovo molto gustoso e concordo con te circa la somiglianza con le tessere dei mosaici :D

    RispondiElimina
  20. Ciao, volevo farti i complimenti per aver vinto il contest sweat dreams are made of cheese, e scopro che sei una romagnola come me, io sono di Rimini, sono doppiamente contenta, volevo invitarti a partecipare al mio contest Amarcord, ci tengo, a presto Giancarla

    RispondiElimina
  21. Che bella Ravenna! Ma lo sai che non ci sono mai stata!? che vergogna! :-( Ottimi questi quadrotti di pasta ripieni al formaggio, devono essere davvero gustosi!

    RispondiElimina
  22.  che buoni!!! E che belli sembrano veramente delle tesserine d'oro dei nostri bellissimi mosaici e visto che il freddo è fuori dalla porta questi quadrotti in un brodo d'orato e caldo sono proprio invitanti!!! Complimenti anche per le bellissime foto a tema col periodo, brava! Tanti auguri x un goloso 2012 da
    Daniela e AlbaChiara :o)

    RispondiElimina
  23. BELLISSSSSSIMO POST! Bella ricetta belle foto...mi hai messo una fameeee

    RispondiElimina
  24. La spoja lorda!!! Ti adoro è una vita che desidero prepararla ;) Ravenna è nel mio cuore, ho fatto lì l'università ♥

    RispondiElimina
  25. Ciao, complimenti per la vincita. Sono andata a sbirciare la ricetta con la quale hai vinto, meritatissima, l'ho già copiata.
    Ciao.

    RispondiElimina
  26. non conosco Ravenna, ma deve essere bellissima! favolose le tue sfoglie, complimenti un post molto interessante ^_^

    RispondiElimina
  27. mi aspettavo la mirra! e brava francesca ;)

    RispondiElimina
  28. @Erica: Grazie mille! ciao :-)
    @Silvia: quando deciderai di rimediare fammi un fischio! Grazie per il commento, mi fa molto piacere :-)
    @Milen@: ciao! Delle tessere più morbide e buone... :-D
    @Giancarla: grazie mille! Che bello, vicina di casa, adesso ci penso e cerco di partecipare, grazie! :-)
    @Claudia: allora devi rimediare! :-D ciao e grazie!
    @Daniela: sai che goloso lo sarà di sicuro... Grazie! un bacione a tutte e due!
    @Elisabetta: grazie mille! :-D
    @Marina: Ma dai! piatti semplici ma che non avevo mai fatto, adesso ho rimediato. Un bacione! :-)
    @Natalia: Grazie mille! ai miei parenti e amici è piaciuta molto, ciao! :-)
    @Puffin: Grazie! è una città piccola ma c'è molto da vedere!
    @Babs: ah ah! ciao e grazie! :-D

    RispondiElimina
  29. cara mi mandi il tuo indirizzo così posso spedirti il mio premio?

    RispondiElimina
  30. si non ho mia visto ravenna e mi piace molto sia la città che le tue preparazioni di pasta, per certe ricette ci vuole solo occhio

    RispondiElimina
  31. Il reportage artistico è meraviglioso e il piatto davvero ispirato...mi piace un sacco l'idea!!Un baciotto...Sai che a Ferrara non ci sono mai stata??!!Smack!

    RispondiElimina
  32. Cara Francesca, questo post è molto interessante, una piacevole lettura che mescola arte e cibo in modo perfetto! Adoro questa pasta ripena, molto particolare con il suo ripieno di formaggi... anche con il salato sei fantastica! Baci grandi. Deborah

    RispondiElimina
  33. Ravenna e' bella ogni tanto ci vado perché mia nonna abita li vicino:-) a Taglio di Po! E i ravioli sono ottimi! Baci

    RispondiElimina
  34. Bellissimi questi raviolini al formaggio.....Come Ravenna!!! brava

    RispondiElimina
  35. @Strawberry: fatto, grazie!
    @Gunther: ma allora devi venire, se riesci a programmarlo tra i tuoi viaggi ti aspetto!
    @Ambra: Grazie cara!
    @Il ramaiolo: Grazie mille! ciao!
    @Deborah: Grazie! sei molto gentile, un abbraccio!!!
    @Ombretta: Mi fa piacere che tu conosca la mia città, un bacione!
    @franci e vale: Grazie ragazze! :-)

    RispondiElimina
  36. Che novità, questi quadretti ripieni al formaggio sono una piacevole novità, non li conoscevo e fanno venir voglia di provarli subito. Ma non si aprono durante la cottura? Devono essere strepitosi
    alla prossima
    ale

    RispondiElimina
  37. @Alessandra: grazie! non si aprono perché vengono sigillati dalla rottellina mentre li tagli, provali! ciao :-)

    RispondiElimina
  38. ciao cara, grazie per queste splendide foto e storia di Ravenna, mi piacerebbe visitarla personalmente.
    I quadretti al formaggio sono deliziosi e non li conoscevo.
    un bacio sabina

    RispondiElimina
  39. Ciao Francesca, grazie di aver partecipato al mio giveaway :) la sorpresa di un marito che ti regala un libro di cucina azzeccatissimo è più che una sorpresa!! Si vede che ormai ti conosce a menadito! Mi è piaciuto il giro a Ravenna e la ricetta tipica, e confesso che è una mia mancanza non esserci mai stata! dovrò rimediare...:) a presto!

    RispondiElimina
  40. Mmh che buoni devono essere questi quadrotti... allora è vero il proverbio romagnolo che dice che a Ravenna si mangia bene: "Rèmin da navighê, Cesena da cantê, Furlé da ballé, Ravena da magnê, Lugh da imbrujê, Faenza da lavurê, Jemula da fè ‘l’amor"... ;-D
    Ciao!

    RispondiElimina
  41. Che mosaici strepitosi! Grazie per averci fatto fare un giro nella tua bellissima città :-)
    Per quanto riguarda le tessere del tuo mosaico, dovrebbero diventare patrimonio dell'Unesco anche loro!

    Un bacione!

    RispondiElimina
  42. Scusami se te lo segnalo qui ma il link che mi hai lasciato per partecipare al contest è sbagliato
    Ciao

    RispondiElimina
  43. Queste sono le ricette che adoro e complimenti anche per i tuoi primi cappelletti romagnoli. Sono perfetti. Di questo post adoro tutto, la cucina tradizionale e Ravenna con la sua splendida Sant'Apollinare. Grazie, mi hai fatto sognare e ricordare una bella Pasqua trascorsa lì.
    Un abbraccio.
    Sabina

    RispondiElimina
  44. @Sabina: se vieni chiamami! grazie mille! baci :-)
    @Acky: grazie a te! allora devi venire, ti porto in giro io! ciao!
    @Nanni: sai anche il romagnolo?! Ah ah! :-D ciao!
    @Muscaria: Grazie mille! :-D ciao!!!
    @Gianni: grazie a te, ho rimediato... !
    @Sabina: Grazie a te! mi fa molto piacere!!! ciao!

    RispondiElimina
  45. Puoi contarci ;)) Però devi cucinarmi questi splendidi quadretti al formaggio :))
    Un abbraccio
    Sabina

    RispondiElimina
  46. Ciao e grazie per avere ricordato i cappelletti al formaggio..... Noi li facciamo da sempre secondo una ricetta della nostra famiglia originaria di Lugo di Romagna. Non usiamo però non la sola noce moscata, ma una miscela più complessa con varie spezie (cannella, chiodi di garofano, coriandolo, anice stellata e noce moscata, semi carvi, pepe). Quest'anno ne abbiamo fatti 1216 per due pranzi Natale e S. Stefano) e li abbiamo serviti in brodo di cappone e manzo, in una forma di Parmigiano tagliata a metà e scavata per farne una zuppiera.... splendidi.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails