mercoledì 2 ottobre 2013

Tiramisù, una certezza o quasi


Una certezza, infatti, esiste un dolce più gratificante del tiramisù? Più tipicamente italiano e inconfondibile? Non credo, ma nonostante tutto capita di trovarlo al ristorante e non rimanere per nulla soddisfatti. Durante l'ultimo viaggetto di settembre (sto ancora sistemando le foto, come sono indietro), ne abbiamo assaggiato uno buonissimo, e così l'abbiamo ordinato anche la sera seguente in un altro ristorante ma secondo me il mascarpone non era nemmeno presente, sembrava semplice crema pasticcera, un'altra volta il mascarpone era così denso e poco dolce da sembrare appena uscito dalla confezione, immangiabile.
Con le papille stuzzicate dal primo incontro e poi deluse ho replicato anche a casa questo fantastico dolce, troppo spesso dimenticato a favore di esotici e azzardati esperimenti. Per non correre rischi ho pastorizzato le uova con il metodo dello sciroppo a 121°C, sia per i tuorli (pate a bombe o base per semifreddo) che per gli albumi (meringa italiana), una lavorazione un po' più lunga della classica ma il risultato è leggero soffice, almeno per i miei gusti!
Ah, e il marsala è indispensabile, voi che ne pensate?

Tiramisù

(per una teglia di circa 18x28 cm, 8-10 persone)

per il pan di Spagna:
3 uova,
110 g di farina 00,
110 g di zucchero semolato.
Montare insieme le uova con lo zucchero per alcuni minuti fino ad ottenre un composto molto chiaro e gonfio, versare la farina setacciata e mescolare delicatamente con movimenti verticali, versare nello stampo e cuocere in forno caldo a 180°C per circa 20 minuti, lasciare raffreddare.

per la crema al mascarpone:
250 g di mascarpone,
3 uova,
250 g di zucchero semolato,
100 ml di acqua,
2 tazzine di caffè zuccherate,
mezzo bicchiere di marsala,
cacao.
Separare i tuorli dagli albumi. Preparare uno sciroppo con 100 g di zucchero e 50 ml di acqua, portare a 121°C e versare sui tuorli montando con una frusta (meglio quelle elettriche), continuare a lavorare per alcuni minuti fino a intiepidire il composto che sarà diventato gonfio e chiaro. Tenere da parte. Preparare la meringa italiana, iniziare a montare gli albumi con le fruste elettriche, intanto scaldare 150 g di zucchero con 50 ml di acqua fino a 121°C e versare sugli albumi, continuare a montare fino a intiepidire il composto, lasciare raffreddare. Lavorare il mascarpone con la frusta, unire delicatamente il composto di tuorli poco per volta e poi quello di albumi, unire due cucchiai di marsala. Conservare la crema in frigo.
Preparare la bagna con il caffè zuccherato, il marsala rimasto e mezzo bicchiere di acqua, tagliare a metà il pan di Spagna freddo, bagnare con metà della bagna, versare metà della crema al mascarpone e spolverizzare con abbondante cacao, ripetere con l'altra metà del pan di Spagna, bagnare e versare la crema, finire con il cacao, coprire e conservare in frigorifero. A piacere aumentare il marsala!

17 commenti:

  1. bravissima, hai fatto anche il pan di spagna. rimane uno dei dolci intramontabile, che non stanca mai. il mio preferito tra quelli al cucchiaio

    RispondiElimina
  2. Un tiramisù da 10 e lode!! Hai perfettamente ragione, io infatti al ristorante non lo ordino mai....che delusione e pensare che ha un sapore e una consistenza in bocca incredibili!! Bacio, a presto Emanuela.

    RispondiElimina
  3. Questa versione con il pan di spagna dev’essere ancora più golosa della classica con i savoiardi . Quanto vorrei adesso un cucchiaino…Un bacio, buon pomeriggio

    RispondiElimina
  4. Sempre buono, in tutte le versioni.
    Mai provato con il pan di Spagna, ma dev'essere una delizia!

    RispondiElimina
  5. Questa tua versione con il pan di spagna è eccezionale! ciaoooooo

    RispondiElimina
  6. ci sono dei piatti cult e sacri.
    come il tiramisù.
    :)
    ciao francesca!

    RispondiElimina
  7. ottima idea il pan di spagna!!!

    RispondiElimina
  8. Il tiramisù tutta la vitaaaaaaaa....lo amo e con il pan di spagna...divino!! Bacioniiii

    RispondiElimina
  9. Io adooooro il tiramisù ma siccome non mi fido di farlo con le uova crude...non ce le metto! E credimi è buonissimo comunque! Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Hai ragione, il tiramisu' e' un classico ma molto spesso nei ristoranti non e' affatto detto che sia fatto a regola d'arte, anzi tutt'altro. Anche io pastorizzo i tuorli e gli albumi, Montersino docet :)

    RispondiElimina
  11. il tiramisù,dolce superlativo la tua versione super golosa, complimenti e buona serata

    RispondiElimina
  12. si fa presto a dire tiramisù ma poi quello di casa propria è sempre migliore vuoi per le materie prime vuoi che ce lo prepariamo come ci piace

    RispondiElimina
  13. Concordo, i tiramisù del ristorante sono spesso un pacco: meglio farselo in casa, che poi è anche semplicissimo!

    RispondiElimina
  14. fatto con il pan di spagna è decisamente molto più goloso....home made forever...baci:)

    RispondiElimina
  15. Vero, il tiramisu è un dolce speciale!! purtroppo non sempre è il massimo, io al posto degli albuni uso la panna, però trovo che entrambe le varianti siano super!!! mi hai fatto venire una voglia Fra... dev'essere troppo buono!!!! un bacio

    RispondiElimina
  16. È sempre un terno al lotto prenderlo al ristorante e molte volte ne rimango delusa.....è il mio dolce al cucchiaio preferito!! :-) un bacio

    RispondiElimina
  17. Voglio provarla anch'io!!
    Grazie per la condivisione!

    http://restaau.it/Browse/miglior-ristoranti-italiani-a-roma.html

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails