mercoledì 25 gennaio 2017

Macaron salati per MTC


Ed eccomi con la mia proposta salata per l'MTChallenge di gennaio. Non ho resistito, quando si tratta dei miei amati macarons le idee si accavallano, ma sono riuscita a decidermi e devo dire di essere soddisfatta del risultato. Ho scelto un comune denominatore agrodolce, il chutney, che lega i  due macaron, il primo con taleggio e il secondo con patè di lonza di maiale. Amo i cibi agrodolci e fruttati, in questo caso, inoltre, il guscio comunque dolce del macaron si sposa bene con questo sapore.
Grazie a Ilaria per la sfida scelta, più golosa che mai!



per i macarons (ricetta di Pierre Hermé elaborata da Ilaria)

150g di zucchero al velo
150g di farina di mandorle
110g di albumi vecchi (almeno 3 giorni) – divisi in due ciotole da 55g l’una
Per lo sciroppo
150g di zucchero semolato
50ml di acqua

coloranti per alimenti rosso e viola
polvere dorata per alimenti
poco alcool per alimenti (o un liquore neutro ad alta gradazione)

Tostate leggermente la farina di mandorle in forno a 150° per circa 10 minuti. Lasciate raffreddare completamente.

Passate al mixer la farina insieme allo zucchero al velo per ottenere  una miscela aerea e impalpabile TPT) e passate successivamente al setaccio.  
Incorporate i primi 55g di albume crudo al TPT servendovi di una spatola in silicone. E’ necessario amalgamare bene in modo da ottenere una pasta morbida, omogenea e densa.
Se volete aggiungere del colorante, versatelo sugli albumi e mescolate. Poi uniteli al TPT.

Fate la meringa italiana. Versate lo zucchero semolato e l’acqua in un tegame dal fondo spesso. Inserite un termometro e cuocete a fuoco medio.  Quando la temperatura arriva a 115° simultaneamente cominciate a montare i rimanenti 55g di albume ad alta velocità. Se, una volta che lo zucchero comincia a bollire, tendesse ad attaccarsi utilizzate un pennello bagnato in acqua fredda e passatelo sui lati (come per il caramello).
Quando il termometro raggiunge i 118° versate lo sciroppo a filo sulla meringa (non ancora completamente montata) avendo cura di farlo scivolare sul lato della ciotola. Continuate a montare per un altro minuto. Poi diminuite la velocità e montate ancora per circa 2-3 minuti o comunque fino a  quando il composto risulterà bello gonfio, lucido e bianchissimo. E la temperatura sarà scesa a 40°C. solo a questo punto la meringa potrà essere aggiunta alla pasta di mandorle.
Volendo aggiungere del colore può essere fatto in questa fase ricordandosi di usare solo coloranti idrosolubili che non smontano gli albumi.
 
 MACARONAGE  
Incorporate inizialmente una piccola quantità di meringa alla pasta di mandorle e mescolate in modo da rendere l’impasto più fluido. Aggiungete la restante meringa usando una spatola in silicone, mescolando dal centro verso i lati esterni e raccogliendo continuamente l’impasto. Quando il composto comincia a diventare lucido fate la prova del MACARONNER, ovvero l’impasto è pronto quando sollevando la spatola ricadrà sulla ciotola formando un “nastro pesante” che ricade con una certa difficoltà.
Prendete il sac-a-poche con bocchetta liscia da 8-10 mm, versate una quantità di composto riempendola fino a metà circa. Spremete bene il composto fino alla fine della tasca, questa operazione è molto importante (in generale, non solo per i macaron) perché eviterà la formazione di bolle d’aria. Chiudete con due o tre giri la tasca e fermatela con una molletta. 
 
POCHAGE
Fissate con un pochino di impasto i 4 lati del foglio di carta da forno alla teglia. Tenendo la tasca verticale posizionatevi a circa 2 cm sopra la teglia. Iniziate a formare dei bottoncini di impasto seguendo lo stampo in silicone oppure il vostro template. Spingete la pasta torcendo ogni volta la tasca di un quarto di giro. Continuate sulle altre teglie fino all’esaurimento dell’impasto.  Picchiettate delicatamente con la mano il fondo delle teglie in modo da uniformare i macaron ed eliminare eventuali bolle d’aria. 


CROUTAGE
Lasciate riposare i gusci a temperatura ambiente, da almeno 30 minuti a 2-3hs. Questa operazione è molto importante in quanto serve a creare una pellicola fine, secca e resistente sui gusci, e che diventa poi croccante in fase di cottura. L’umidità solleva il guscio senza screpolarlo e alla base si forma il collarino.
Poiché i tempi di croutage possono variare a seconda della temperatura esterna, per verificare che i gusci  siano pronti per essere infornati, sfiorate delicatamente la superficie di un guscio; la pasta non deve incollarsi al dito.
 
COTTURA 
Infornate a 180° per i primi 2-3 minuti fino a che si forma il collarino e il macaron si solleva leggermente. Dopodiché abbassate la temperatura a 140-150° e cuocete per ulteriori 10-12 minuti.
Le temperature e i tempi di cottura sono assolutamente indicativi e dipendono dal proprio forno.

Sia Hermé che Felder suggeriscono la cottura ventilata, ma a mio parere i macaron colorano troppo facilmente e asciugano in modo eccessivo.
 
Una volta cotti, togliete la teglia dal forno e fate scivolare il foglio dei macaron su un ripiano fino al completo raffreddamento. E’ importante NON LASCIARE il foglio sulla teglia altrimenti continuerà la cottura. Staccate i macaron lentamente dal foglio di carta forno  e con l’indice create un piccolo avvallamento che permetterà una farcitura più abbondante. Lasciate i gusci con la parte “piatta” rivolta verso l’alto.
I vostri macaron sono pronti per essere farciti. Oppure potete conservarli in frigorifero fino a 48hs o congelarli.
 
 FARCITURA 
 Per la farcitura potete, anzi dovete sbizzarrire la vostra fantasia. Che scegliate una ganache, una crema, una confettura, un curd, una mousse, un paté, i sapori dovranno essere armonici. Potete inserire una doppia farcitura o un elemento, per esempio una gelatina o un pezzetto intero di ingrediente.

Preparate la farcia, inseritela in un sac à poche e spremetela fino al beccuccio (potete utilizzare sempre lo stesso da 8-10mm oppure uno leggermente più grande 11-12mm), in modo da non creare bolle d’aria. Date un doppio giro e chiudete la tasca.
Tenendo la tasca verticale posizionatevi a circa 2cm sopra la teglia. Delicatamente guarnite con una generosa porzione di farcia la metà di gusci, avendo cura di lasciare un bordo di circa 3mm. Assemblate i macaron con i gusci restanti sovrapponendoli a quelli farciti, e premendo molto delicatamente fino a che la farcia non sia ben evidente tra i gusci.
Nel caso in cui decidiate di inserire un elemento o una doppia farcitura, dressate una po’ meno farcia e inserite la seconda o l’elemento al centro di essa. Ricoprite ancora con una goccia della prima farcia, coprite con il secondo guscio e premete gentilmente.
Trasferite i macaron adagiati su un vassoio (possibilmente ricoperto di carta da forno) in frigorifero per circa 24hs. Prima di servire, lasciateli 2hs a temperatura ambiente. 
 
per il chutney di pera e carota viola:
una pera,
una carota viola grattugiata,
mezzo scalogno,
un cucchiaio di aceto di mele,
due cucchiai di zucchero grezzo di canna,
1 o 2 cm di zenzero grattugiato,
un cucchiaio di uvetta.

Cuocere a fuoco basso in un pentolino la pera tagliata a dadini, lo scalogno ridotto a rondelle sottili, la carota grattugiata e l'aceto di mele, lo zucchero, lo zenzero e l'uvetta. Aggiungere un paio di cucchiai di acqua, o più, se serve. Lasciare cuocere qualche minuto, sorvegliando. Lasciare raffreddare e frullare bene.
per il patè:
100 g di lonza di maiale,
1 cucchiaio di marsala secco,
50 g di burro,
mezzo scalogno (o una piccola cipolla),
sale e pepe.
Cuocere la lonza in una padellina con un filo d'olio e lo scalogno tagliato a rondelle. Sfumare con il marsala, regolare di sale e pepe e una volta cotto lasciare intiepidire.
Frullare insieme al burro fino ad ottenere una massa omogenea. Sistemare in un piccolo stampo rivestito di pellicola trasparente e conservare in frigo.
per il macaron con taleggio e chutney:
Lavorare a crema il taleggio e inserirlo in un sac a poche con bocchetta da circa mezzo cm, fare lo stesso con il chutney frullato, formare dei cilindri sopra un guscio di macaron alternando con il chutney, chiudere con il secondo guscio. Decorare con un pennello per alimenti la superficie esterna del macaron, diluire un poco di colorante viola e rosso con dell'alcool alimentare, lasciare asciugare (l'alcool evapora).


per il macaron con patè e chutney:
Inserire il patè in un sac a poche con bocchetta di circa 8 mm, formare degli anelli su un guscio di macaron, inserire al centro il chutney frullato, richiudere con il secondo guscio, Decorare con un pennello per alimenti la superficie esterna del macaron, diluire un poco di colorante viola e rosso con dell'alcool alimentare, e con polvere dorata per alimenti diluita in poco alcool, lasciare asciugare (l'alcool evapora).
 


38 commenti:

  1. I gusti sono veramente meravigliosi, poi la carota viola mi è sconosciuta però tutto il resto è delizioso.
    Sono affascinata da come hai decorato questi macarons sono elegantissimi, complimenti sinceri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai che le foodblogger non resistono alle cose nuove, la carota viola ha un colore molto intenso, il sapore è più neutro di quella arancione. Grazie mille! :-)

      Elimina
  2. Semplicemente sbalorditiva per eleganza, tecnica e raffinatezza di gusti. Adoro il chutney, te lo copio, come tutto il resto. Grandissima!!!

    RispondiElimina
  3. Cavoli, è proprio vero che quando uno è nel suo, da proprio il meglio di se. La versione salata mi piace ancora di più di quella dolce, con quelle pennellate. Cosa devo dirti Francy? Mi piacerebbe imparare a fare dei macaron come i tuoi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, si vede ce mi piacciono? Poi me li mangio :-D
      Carissima, li sai già fare, ci vuole solo un po' di pratica che si acquista col tempo, un bacione

      Elimina
  4. Brava, da togliere il respiro e le parole (e far star zitta me è IMPOSSIBILE).
    L'eleganza della forma e degli abbinamenti è impareggiabile.
    Mi hai fatto venire voglia di togliere finalmente dalla scatola il tappetino per macaron che ho ricevuto in dono lo scorso Natale.Anche se so che non riuscirò mai a raggiungere la tua perfezione.
    Grande!
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono contenta che ti facciano venire voglia di rifarli, è il complimento più bello! Grazie! :-)

      Elimina
  5. Questo mese sei proprio andata a nozze :-) anche questi in versione salata sono davvero stupendi. Mi intriga molto l'idea del salato, non ne ho mai assaggiati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono sfiziosi, anche se la mia passione sono i dolci, provali!
      (questo mese come un topo nel formaggio, anzi, nello zucchero a velo) :-D

      Elimina
  6. Sono perfetti.
    E non aggiungo altro. Perché sono invidiosa. :)))

    RispondiElimina
  7. Marò che spettacolo... li adoro più di quelli dolci! Un bascione

    RispondiElimina
  8. Che maestria nel decorarli e farcirli,e quanta pazienza devi aver avuto.
    Davvero stupendi

    RispondiElimina
  9. Te l'ho detto anche sui muri di Porta Portese quanto mi piacciono questi a righe il che non vuol dire che gli altri con la pennellata fatta con nonchalance siano da meno ! Sono si un'eleganza sconvolgente, di uno stile d'altri tempi che tu porto dentro...la pasticceria è secondo me il,tuo modo di comunicare. Maestosi sono...ma la pennellata come si fa ?? Un abbraccio 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! la pennellata si fa col pennello! :-D
      un bacione

      Elimina
    2. appunto, marina, che domande fai? :)
      riformulo: posto che la pennellata si faccia col pennello, come facciamo noi comuni mortali, per ottenere un risultato cosi'? :) :)

      Elimina
  10. Bellissimi è dir poco.. e con degli abbinamenti di colore e sapore che mi rapiscono il cuore! Bravissima, ma non avevo dubbio alcuno!

    RispondiElimina
  11. abbinamenti stuzzicanti per questi macaron salati. e soprattutto...che perfezione! Io ci ho provato una volta sola, a fare i macaron. Niente collarino e cupola tondeggiante tipo baci di dama. Prima o poi ritenterò. Magari seguendo bene le tue istruzioni...qui da te vedo foto di macaron uno più bello dell'altro!!!
    ciao!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che devi riprovare, ci vuole un po' di pratica ma danno molte soddisfazioni. Grazie! ciao!

      Elimina
  12. Come sempre mi stupisci con i tuoi effetti speciali! e il bello è che l'estetica si sposa con sapori eccellenti e raffinati, non ho parole!
    un abbraccio Maria Teresa

    RispondiElimina
  13. Davvero delle idee golose ed originali...ti copierò anche la decorazione, sono bellissimi!!

    RispondiElimina
  14. Lo scrivo qui e vale per i dolci e per i salati:sei bravissima ed è ancora riduttivo!

    RispondiElimina
  15. Wow!!! Estremamente eleganti nell'aspetto e molto invitanti nel gusto...
    Non è che ti serve una cavia per i tuoi prossimi esperimenti!!??? Eccomi...

    Un bacione
    moni

    RispondiElimina
  16. Se già quelli dolci mi parevano meravigliosi questi sono a dir poco fantastici. La tua maestria è insuperabile. Bella l'idea, bellissime le decorazioni con la farcitura speculare con le righe sul guscio, così come le pennellate. Il chutney pera e carota viola accompagnato dal paté alla lonza di maiale è gustosissimo così come l'accostamento al caprino. Bravissima come sempre, anzi di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, felice che ti siano piaciuti! :-)

      Elimina
  17. Francy, non riesco a levarmeli dalla testa, questi macarons. un'ossessione, credimi. E piu' li guardo, piu' li guarderei. Sono la bellezza, l'eleganza, la cura dei dettagli (ma solo io ho notato le righe del ripieno perfettamente alternate a quelle del guscio?), la bravura che supera ogni confine e che fonde bellezza con bonta', raffinatezza con gusto, forma con sostanza. la perfezione che emoziona, Francy- e che mai come questa volta ha la tua firma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Alessandra, davvero! :-D

      Elimina
  18. Ciao Francesca, complimenti, i tuoi macarons non li avevo visti! Ma quanto sono belli: dentro e fuori! sono delle piccole bomboniere, perfetti, delicati, ma anche originali, e mi piace tantissimo anche l'accostamento di sapori! Mi segno le ricette dei ripieni! Un saluto caro e buona serata

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails