martedì 8 aprile 2014

Pinza bolognese con mostarda


Ci sono ancora, la pigrizia primaverile mi ha sopraffatta per un po', oggi, però, voglio consigliarvi un buonissimo dolce casalingo, rustico e profumato. 
La ricetta viene dritta dritta dal blog di Elena "Saltando in padella" che vive a Bologna e che fa dolci fantastici!
La confettura che ho usato è industriale ma molto buona, la mostarda bolognese è fatta con mele o pere cotogne e frutta mista, ottima come ripieno, io la trovo al supermercato già pronta.
Non tralasciate la scorza di limone nell'impasto, il profumo e il sapore ci guadagnano parecchio  :-D

Pinza bolognese:

250 g di farina 00,
100 g di zucchero,
50 g di burro,
1 uovo e un tuorlo,
1/2 bustina di lievito per dolci,
scorza di limone bio,
latte quanto basta (o acqua),
un pizzico di sale.

per il ripieno:

mezzo vasetto di mostarda bolognese,
uvetta ammollata con acqua e rum.
Zucchero semolato e in granella per decorare.

Lavorare la farina con il burro usando la punta delle dita, formare delle briciole, unire lo zucchero, il lievito, un pizzico di sale, la scorza di limone e mescolare, infine aggiungere l'uovo e il tuorlo, il latte poco per volta (io non lo bevo e ho usato poca acqua), formare una palla di frolla, avvolgere con pellicola per alimenti e conservare in frigo per almeno un'ora.
Mescolare la mostarda con l'uvetta scolata e poco rum.
Stendere la pasta in un rettangolo spesso 1/2 cm circa, stendervi sopra la mostarda lasciando 2 cm di bordo liberi. Ripiegare l'impasto sopra il ripieno piegando in tre e poi ripiegando i lati verso l'interno sigillando la confettura all'interno. Spennellare la superficie con acqua o albume e cospargere con zucchero semolato e granella di zucchero.
Cuocere in forno già caldo a 170°C per circa 40 minuti.






35 commenti:

  1. Conosco benissimo la pinza bolognese, peccato non trovare gli ingredienti del ripieno per poterla rifare!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buona, vero? peccato, la mostarda è speciale :-)

      Elimina
  2. ottimo dolce ,io l'ho fatto e mangiato ma con marmellata senza mostarda che penso sia il top della pinza,grazie e felice giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, la mostarda ha un gusto particolare che ci sta proprio bene, ciao e grazie!

      Elimina
  3. Fancy che bello, sono felicissima che tu l'abbia provata. E' buona vero? sarà perchè a me piacciono i dolci un po rustici come i cantucci o le crostate, ma io trovo che sia super. Andrebbe abbinata a un buon bicchiere di vino come avrebbe fatto mia nonna, ma va bene anche una tazza di caffè o thè.
    E' certamente un dolce completamente diverso da una suadente mousse al cioccolato, molto più rustica e "contadina".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'adoro per colazione e a merenda, i dolci rustici mi piacciono, amo la varietà, grazie dell'ottima ricetta :-D

      Elimina
  4. Somiglia un pò alla ciambella che si fa qui a Reggio Emilia, un dolce rustico e molto gustoso, a me piace con un bel bicchiere di latte freddo. Chi sa che buona la mostarda! Un saluto, Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarà un dolce simile, non sei distante, probabilmente troverai anche la mostarda pronta! ciao :-)

      Elimina
  5. bella ricetta, un pò rustica un pò dolce per avere tutto in un morso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti, con la marmellata nel ripieno è un dolce completo e moolto soddisfacente :-P

      Elimina
  6. uno dei miei dolci preferiti!!!! sa di buono, rustico, casalingo...
    e il ripieno di mostarda che ha quel sapore inconfondibile!
    delizioso!! quando lo preparo seguo sempre la ricetta di Elena :)
    bellissime le foto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buono, vero? sa di casa, per me con il tè è il massimo.
      Grazie mille!

      Elimina
  7. oh ma che spettacolo!!deliziosa davvero :)

    RispondiElimina
  8. conosce bene questa ricetta di elena, è semplicemente fantastica specie nella versione originale con mostarda bolognese. mi hai messo una gran voglia di rifarla :) un bacio, buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c'è sempre una buona occasione per rifarla, ad esempio la colazione!
      un bacione a te! :-)

      Elimina
  9. Nel mio periodo bolognese non l'ho mai provata. Se dovessi riuscire a trovare la mostarda bolognese ci provo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che peccato! provala, merita, ciao!

      Elimina
  10. presente!!!! l'hai fatta benissimo!

    RispondiElimina
  11. Che bontà questo dolce! Lo voglio provare!
    Ps: non so se hai visto sul mio blog ma... Sali a bordo?

    RispondiElimina
  12. passando di qua si impara sempre qualcosa di nuovo!

    bellissima e chissá che buona

    RispondiElimina
  13. per come mi sento io adesso mi ci vorrebbe sia una fetta di pinza che una tazza come la tua : )))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ogni tanto ci vuole, hai ragione! la tazza era al supermercato e mi è piaciuta subito :-)

      Elimina
  14. Ciao cara!!! Che buono questo dolce! Lo adoro anche leggermente inzuppato nel caffè latte!!! No non mai provato la mostarda Bolognese, devo rimediare!!! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non bevo il latte ma per colazione è fantastico, cerca la mostarda, è particolare, cioa!

      Elimina
  15. confesso che no conoscevo la pinza bolognese era rimasto a quella triestina ma è una versione che mi piace moltissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è tutt'altra cosa ma sempra ottima, da provare, ciao e grazie!

      Elimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails