lunedì 27 marzo 2017

La mia Empanada Gallega per il Club del 27


Questo mese il Club del 27 ha avuto davvero l'imbarazzo della scelta! Il Club cerca di riportare all'attenzione ottime ricette proposte sul sito di MTChallenge come Tema del mese, che giustamente meritano di essere ricordate e riproposte. 
Qui potrete ritrovare tutte i post di oggi, ormai siamo tanti in questo club, andate a vederle tutte!
Io ho scelto la Empanada Gallega di Mai Esteve, con la sua ricetta originale, ve la consiglio, anzi, dovete farla assolutamente, è buonissima! Grazie Mai!!!
E più facile di quello che sembra, la trovo perfetta anche per un pic-nic primaverile, chissà perché non l'avevo ancora provata. E voi, fatela subito, mi raccomando!
E ora, all'opera :-D




Empanada Gallega (ricetta da qui)

 per il ripieno:

1 grosso peperone rosso,
2 cipolle medie,
350 g di tonno sott'olio,
150 ml di olio extra vergine di oliva,
3 pomodori,
sale.

per l'impasto:

500 g di farina,
9 o 11 cucchiai di olio del soffritto,
3 cucchiai di acqua a temperatura ambiente,
5 g di lievito di birra fresco (ma potete usare anche quello liofilizzato),
1 cucchiaino abbondante di pìmenton dulce (paprika dolce),
1 cucchiaino scarso di sale,
3 cucchiai di acqua (temperatura ambiente).
(al posto dell'olio del soffritto si può usare dello strutto, circa 50 g, e se serve aggiungere acqua)

Lavate le verdure, sbucciate le cipolle e tagliatele a dadini piccoli, fate soffriggere in abbondante olio a fiamma bassa per 3 o 4 minuti.
Nel frattempo pulite il peperone dai filamenti interni e dei semi e tagliatelo a listerelle e poi a dadini, incorporatelo al soffritto di cipolla e fateli ammorbidire entrambi.
Passate i pomodori sotto l’acqua bollente (o sbollentateli in pentola, come siete più pratici) in modo di poter togliere la pelle più facilmente, strizzateli e versate nel soffritto quando la cipolla e il peperone siano già quasi cotti. Amalgamate e cuocete ancora per una decina di minuti poi aggiungete il tonno e fate cuocere per altri 5 minuti. Lasciate raffreddare dentro un colino appoggiato in un piatto o ciotola, in modo di raccogliere il liquidi del soffritto, il quale ci servirà per l’impasto della empanada.
Preparate l’impasto mettendo la farina in una ciotola capiente lasciando un buco al centro, a forma di fontana, dove andrete a versare tutti gli altri ingredienti. Cominciando dal pimenton dulce, il sale, l’olio del soffritto e il lievito, sciolto in un paio di cucchiai d’acqua a temperatura ambiente.
Impastate bene e con grinta per una decina di minuti o finche la pasta non diventa elastica abbastanza di non rompersi se la tiriamo. 
(Io ho aggiunto un po' di olio del soffritto, un pochino di strutto, circa 30 g, e anche dell'acqua, fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneno, dipende da diversi fattori tra cui anche la farina usata).
Fate una palla e lasciatela riposare coperta con un canovaccio pulito, per una trentina di minuti.
 Stendete la pasta in due sfoglie sottili, con una rivestire uno stampo leggermente unto e distribuite sulla sfoglia il ripieno. Chiudete con il secondo disco sigillando bene i bordi e poi piegandoli verso l’interno. Spennellatela con un tuorlo sbattuto. Cuocete in forno caldo  a 180 °C per 45 minuti,  o finche la empanada prenda un colore bello dorato.
Lasciatela riposare qualche minuto fuori dal forno prima di levarla dalla teglia.
Si possono aggiungere delle uova sode tagliate a metà nel ripieno e io l'ho fatto.





30 commenti:

  1. Franci anche io sono stata davvero indecisa e l'Empanada rientrava nelle mie scelte, mi ha intrigata tantissimo! Complimenti perchè l'hai fatta bella alta come piace a me! Un bascione e buona settimana

    RispondiElimina
  2. Mamma mia che spettacolo. Questa è proprio perfetta per il pranzo di Pasqua o la scampagnata fuori porta

    RispondiElimina
  3. L'Empanada devo provarla assolutamente guardandole mi viene un'acquolina, la tua è veramente golosa brava

    RispondiElimina
  4. Gnam! Che gola mi fa questa tua proposta, brava!!!

    RispondiElimina
  5. Seguirò il tuo consiglio riguardo alla ricetta da seguire. Spero proprio di preparare una bella empanada come la tua!!Bravissima

    RispondiElimina
  6. Bellissima questa enpanada. Che fame!

    RispondiElimina
  7. E' di una bellezza stratosferica. Il colore leggermente bronzeo del guscio racconta della sua bontà e osservare il ripieno da quella fetta fa venire fame anche se ho appena finito di mangiare.
    Davvero incantevole.

    RispondiElimina
  8. Ho scelto anch'io di fare questa meraviglia e, come ho già commentato per un'altra empanada, sono sicuro che l'uovo ci stia benissimo. Complimenti

    RispondiElimina
  9. Le tue non sono ricette ma opere d'arte, sono sempre perfette, belle da guardare e sicuramente ottime...complimenti cara Francesca, brava come al solito :)

    RispondiElimina
  10. Da quanto è bella sempre un dolce. hai proprio due manine sante e ogni cosa che prepari riesce sempre benissimo. Merito della ricetta, certo ma anche della tuia realizzazione. Brava

    RispondiElimina
  11. Francescaaaaaaaa.... ma qui sbaviamo sul monitor!!! ma e' una roba goduriosissima, bella da mozzare il fiato e golosa da "apriti- stomaco"! non vedo l'ora che passi di qui Mai, perche' non potra' che apprezzarla infinitamente. Favolosa!

    RispondiElimina
  12. Fantastica la tua Empanada, ha un aspetto meraviglioso.
    Chissà che buona! :P

    RispondiElimina
  13. Io, per l'empanada ho proprio un amore infinito e la tua è bellissima.
    complimenti Francesca

    RispondiElimina
  14. Meravigliosa... e fa venire una gran fame :-)

    RispondiElimina
  15. Complimenti anche la tua è stupenda e molto invitante!!!

    RispondiElimina
  16. Questa ricetta mi intriga molto, voglio provare a rifarla....la lista delle ricette da fare si sta allungando all'infinito.
    Complimenti, ciao Erica

    RispondiElimina
  17. Oddio Francesca! è stupenda. bella ed invitante. sono senza parole, mi stupisci anche sul salato.

    RispondiElimina
  18. più versioni vedo, più mi innamoro, è uno spettacolo anche al taglio!

    baci.

    RispondiElimina
  19. Più la vedo e più mi chiedo come ho fatto a perdermela....:D
    BEllissima e sicuramente buonissima la tua!!

    RispondiElimina
  20. Stupenda ed invitante. Complimenti!

    RispondiElimina
  21. Non ci ho messo le uova, ma le olive taggiasche, nella mia versione. Son sicura che mi piacerebbe anche fatta così!

    RispondiElimina
  22. mi incuriosisce sempre più questa empanada... dal gusto deciso e saporito come piace a me! la tua torta è bellissima, spennellata a meraviglia, ha assunto un colore davvero invitante! bravissima!

    RispondiElimina
  23. L'empanada era la mia prima scelta, ho ripiegato sull'altra solo perchè era stata stra-scelta! La tua è bellissima e più ne vedo più ho voglia di farla! Complimenti!

    RispondiElimina
  24. La empanada mi piace da morire, ne avete fatte una più bella dell'altra!

    RispondiElimina
  25. complimenti...è bellissima...

    RispondiElimina
  26. Ma sai che, a rileggere gi ingredienti, ricordo che questa empanada, senza uova, l'ho mangiata anni fa a Valencia? Fui l'unica ad amarla (e me la finii anche tutta da sola). Sarà per questo che voglio riprovarla il più presto possibile :) Intanto ammiro la tua, bellissima e che mette voglia di mangiarne anche ora :)

    RispondiElimina
  27. Eh sì, ideale per i picnic perché il giorno dopo è ancora più buona!

    RispondiElimina
  28. la tua empanada sembra dipinta tanto è bella, come del resto tutte le tue preparazioni, bravissima

    RispondiElimina
  29. e passo adesso... e quando mai sono passata adesso...!!!!
    proprio a ora di pranzo, proprio da te con questa visione a forma di ruota magica e meravigliosa!
    La guardo e svanisce il resto del mondo... vorrei essere da sole con questa tua empanada anche se dubitto che ne rimarrebbe qualche bricciola dopo!!!
    Splendida davveroooooo!!!!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails