martedì 14 maggio 2013

Taieddhra riso rosso, patate e mazzancolle


Ed eccomi all'appuntamento con l'MTChallenge di maggio, anche per farmi perdonare l'assenza del mese scorso partecipo subito, cosa molto rara per la ritardataria che sono... complimenti a Cristian che ha vinto alla prima partecipazione e che ci ha proposto una ricetta tipica pugliese nella versione di famiglia. Dico subito che ci è piaciuta molto, anche nella versione rivisitata che ho elaborato, nella mia vacanza pugliese di qualche anno fa non l'avevo assaggiata, purtroppo spesso nei ristoranti non si trovano le ricette della tradizione che sono, a volte, considerate troppo casalinghe ma che sono, invece, molto buone e sarebbero molto apprezzate dai turisti!
Della vacanza ho scelto una foto molto particolare che crea una sorta di ponte inaspettato tra Puglia e Romagna, un mosaico bizantino contemporaneo di quelli ravennati. Avevo letto su una piccola guida di questa chiesa di Casaranello, Santa Maria della Croce, con mosaici antichi del V secolo d.C. e per trovarla abbiamo girato in lungo e in largo (si sa che i navigatori spesso non sono affidabili), chiedendo a mezzo paese, ci siamo anche tornati più di una volta perché la prima volta la chiesa era chiusa, insomma, una piccola avventura, ma la soddisfazione è stata tanta per aver scovato un piccolo gioiello nascosto con mosaici così belli e così simili a quelli, per me familiari, della mia città (qui un articolo interessante per approfondire). 



Proprio per questo ho posato il piatto sul mio piccolo tavolino in mosaico di pietra, bruttino ma fatto con tanto amore dopo aver seguito un corso amatoriale di mosaico.  :-D
Per questa ricetta ho utilizzato un riso rosso Ermes integrale, tra l'altro ricco di antiossidanti, ferro e fibre, della provincia di Ferrara, ero un po' preoccupata per la lunga cottura necessaria ma il risultato mi ha soddisfatto pienamente.

Taieddhra riso rosso, patate, asparagi e mazzancolle

250 g di riso rosso ermes integrale,
10 mazzancolle intere,
10 code di mazzancolle,
3 scalogni,
350 g di asparagi,
3 patate grandi o 5 piccole,
50 g circa di pecorino e parmigiano grattugiato,
5 o 6 foglie di menta fresca,
olio evo,
sale.

Scaldare il forno a 160°C. Pulire le mazzancolle, togliere il filamento sul dorso e tenere da parte, bollire i gusci con le teste e uno scalogno per il brodo, aggiustare di sale, filtrare.
Pulire gli asparagi e le patate, tagliare i gambi degli asparagi a rondelle sottili lasciando intere le punte, tagliare le patate a fettine sottili 2-3 mm.
Ungere con un filo d'olio il fondo di una pirofila di coccio o di ceramica (va bene anche il pirex ma non il metallo), sul fondo disporre metà delle patate e degli asparagi, sopra versare il riso sciacquato in acqua per togliere l'amido in eccesso e pareggiare, sopra il riso sistemare due scalogni tagliati a rondelle, gli asparagi, le foglie di menta spezzettate e le mazzancolle pulite, coprire con il brodo a filo con le verdure (se il brodo non basta aggiungere dell'acqua), cospargere con il formaggio grattugiato, sopra disporre le patate, aggiungere il resto del formaggio e un filo d'olio evo, infornare circa un'ora o più, io ho cotto un'ora a 160°C e poi 15 minuti a 200°C funzione grill. Lasciare intiepidire e servire.




58 commenti:

  1. complimenti, per la ricetta e per il tuo tavolino, io mi spazientisco facilmente e non riuscirei mai a farne uno, ma neanche una cornicina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah! un po' di pazienza ci vuole, i lavori di precisione mi piacciono, sono rilassanti ma questo è fatto a occhio, la fatica è tagliare le tessere.
      Grazie mille! ciao :-)

      Elimina
  2. Ecco, questo piatto potrebbe certamente piacere anche a me che non sopporto la tiella o il risopatanecozze come lo chiamava la nonna di mio marito!Bellissima idea e bellissimo il tuo mosaico! Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me è piaciuto molto, provalo! ciao e grazie :-)

      Elimina
  3. Ma che meraviglia, Francy!
    Una ricetta curata nei minimi dettagli, dove il sapore la fa da padrone.
    Bellissimo anche il mosaico: che chiesa è? Mi piacerebbe visitarla!
    Un bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è a Casarano, Lecce, merita davvero! grazie mille!!!

      Elimina
  4. Brava,complimenti per la ricetta e per il tavolino! Il riso rosso e' una genialata e' come se la Camargue sia venuta a trovare l'Italia.Un bellissimo "incontro" culinario!
    Un bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in realtà il riso viene coltivato vicino a Ferrara ma se ricorda la Francia piace anche a me! un bel miscuglio!!! grazie :-)

      Elimina
  5. Come mi aspettavo da te, una ricetta buonissima!
    Bacioni :)

    RispondiElimina
  6. Che pazienza hai avuto con quel tavolino, ma è bellissimo :) E il riso rosso per la taieddhra una genialata. Lo adoro. Un bacio, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non si vede ma il tavolo è piccolino, come il balcone del resto però home made dà soddisfazione! Grazie mille! un bacio

      Elimina
  7. Adoro il riso rosso (veramente basta che si parli di riso e io lo amo tutto!) e questa rivisitazione mi sembra assolutamente goduriosa!
    Io sono stata in Puglia solo con una gita scolastica che risale a 25 anni fa... spero di riuscire a ritrovare una foto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. mi è piaciuto molto, come il riso venere, sono saporiti anche da soli, devi tornare in Puglia, allora!

      Elimina
  8. Non ho mai assaggiato questo piatto. Sono stata in puglia solo una volta e per pochissimi giorni quindi posso dire di non conoscerla per nulla. E non conosco neanche la cucina locale, in effetti non avevo mai sentito parlare di questo piatto prima di vedere la ricetta dell'MTC. La tua versione con riso rosso deve essere davvero molto saporitta ed aromatica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ci sono stata ma non l'avevo assaggiata, provala, è una ricetta buonissima! ciao :-)

      Elimina
  9. bellissima versione, molto originale!

    RispondiElimina
  10. Eccellente scelta di ingredienti Franci: bello il riso rosso, tra l'altro anche molto scenografico! e, non per dire, ma mi pare che il tuo tavolino a mosaico, per quel che si vede, sia decisamente piacevole :-) Bel post questo! Grazie
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! devo dire che anche a me è piaciuto l'insieme di colori, e poi era buono... ciao!!! :-D

      Elimina
  11. Non conoscevo questo piatto ma tutto ciò che ricorda la Puglia ha un che di familiare per me..lo proverò! Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bìnemmeno io lo conoscevo, provalo, ciao! un bacione

      Elimina
  12. Adoro il riso Ermes e, scusa neh, ma quel tavolino? E' bellissimo come tutta la ricetta!

    RispondiElimina
  13. Ciao Francesca, innanzitutto: magari fossi in grado di fare anch'io un tavolino mosaico come il tuo, è bellissimo! In secondo luogo, sono d'accordo con te sul fatto che i turisti apprezzerebbero molto se potessero assaggiare piatti della tradizione che invece di solito non compaiono nei menù.
    Per quanto riguarda il tuo piatto, mi piace l'idea dell'utilizzo di questo tipo di riso e della menta fresca con l'abbinamento mazzancolle asparagi. Bello anche da vedere.
    Grazie mille!
    Cristian

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per questa bellissima ricetta, rimarrà tra quelle da rifare!!!
      ciao :-)

      Elimina
  14. Mi convince in tutto questa ricetta, la scelta degli ingredienti in primis oltre che gli abbinamenti e i colori...anch'io pensavo ad un riso integrale credo sia il meglio per queste cotture... complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ero indecisa perché avevo paura che non cuocesse abbastanza ma è venuto bene, grazie mille!

      Elimina
  15. Un'interpretazione ricca di colori e sapori, e il tuo bel mosaico a incorniciare il tutto: complimenti!

    RispondiElimina
  16. bellissima ricetta,la proverò sicuramente a farli =)

    anche io da poco ho aperto una rubrica di food nel blog di moda di mia sorella.

    se ti va di passare dal nostro blog Style and Trouble
    mi farebbe molto piacere.

    a presto
    Ele

    RispondiElimina
  17. è un piatto che non conoscevo è la prima volta che ne faccio conoscenza non male

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è così per molti di noi, un piatto nuovo ma molto apprezzato, ciao!

      Elimina
  18. Francesca ma hai fatto due opere d'arte : la Taieddhra e anche il tavolini!! BRAVA!!! E grazie per avermi messa anche a conoscenza di questi mosaici Pugliesi che nonostante i tanti anni passati in quella splendida terra non conoscevo. Buona giornata, Flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per fortuna il tavolino c'era già! :-D
      Grazie mille! è una chiesetta piccola piccola ma piena di storia, merita di essere visitata, ciao!

      Elimina
  19. Il tavolino è bellissimo e a vederlo in foto sembra enorme! :D
    Non conosco questo piatto ma mi ha già conquistata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie ma è davvero piccolo, il piatto è da provare, fidati, ciao! :-)

      Elimina
  20. ecco, non sei soltanto brava in cucina! hai anche le mani d'oro: il tavolino, da quel poco che si vede (ma una foto del tavolino intero, no?) è un amore!!
    così come la tua tieddhra!
    baciotti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah! meglio far intravedere, potreste rimanere deluse... grazie mille!!!
      baci :-)

      Elimina
  21. Il riso rosso mi manca...devo trovarlo e assaggiarlo assolutamente..
    Il tavolino é bellissimooooo, e sei mitica !! Un corso di mosaico !!!

    PS: non te l'ho mai detto ma la tua pizza del venerdí é la mia pizza della domenica per i glutinosi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è buono solo che è un po' lungo da cuocere ma con questa preparazione secondo va benissimo, grazie per i complimenti!
      e per la pizza mi fa davvero piacere, riferirò a mio marito, è lui l'autore! :-)

      Elimina
  22. beh.. dei nostri magnifici mosaici io ne so qualcosa.. che piatto splendido cara.. sapori che si mixano perfettamente, anche i colori sono molto belli!!! bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I nostri amati mosaici :-)
      Grazie mille carissima, bacione

      Elimina
  23. Che bel piatto, Francesca, molto interessante: non riesco a pronunciarlo e non lo conoscevo affatto, ma voglio provare a farlo anche io :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ricetta merita, il nome piu semplice e' tiella, ciao!

      Elimina
  24. Francesca, ma che bel post!! Mi son salvata tutto, perchè il Salento è fra le prossime mete (anche se aspettiamo che passi la stagione del mare... o fine settembre, o aprile maggio) e noi siam come voi: se non ci mettiamo in carca di qualcosa di assolutamente fuori giri organizzati e fuori mano, non siamo contenti. Al solito, dispiace non vedere valorizzato questo patrimonio: pensa altrove, che pubblicità farebbero... ma è una magagna tutta italica e mi fermo qui, che sennò attacco con le litanie e mi passa il buonumore che mi ha messo la tua taieddhra. Aspettavo un riso rosso- e chissà perche, me lo aspettavo da te ;-) cottura perfetta, oltretutto: ottimo spunto, per preparazioni analoghe!!!
    Grazie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti abbiamo macinato km ma un po' di abbandono sul lettino c'è lo siamo concesso. Peccato che i nostri tesori abbiano bisogno proprio della caccia al tesoro! Grazie mille Alessandra, un bacione. :-)

      Elimina
  25. Ciao Francesca, torno da te dopo un'infinità di tempo e trovo come sempre un post delicato, pieno di cose belle. Quanti ricordi la taiedda. Ho imparato a farla (sia nella versione con le verdure, sia con le cozze) in un corso di cucina seguito in una masseria pugliese. Una poesia. La tua versione mi piace molto. Non ho mai provato il riso rosso integrale. Devo rimediare assolutamente.
    Un abbraccio.
    Sabina

    RispondiElimina
  26. Mi piace tantissimo l'uso delle mazzancolle con il riso rosso e le patate per fare la taieddhra: sicuramente sono un trio vincente. E mi piace anche moltissimo il tuo tavolo in mosaico di pietra.
    Il contrasto cromatico nella foto è spettacolare! Brava!

    RispondiElimina
  27. Mi piace molto questa taieddhra, fantastico il riso rosso e l'abbinamento asparagi gamberetti.

    RispondiElimina
  28. Ciao Francesca! Sono una tua nuova follower grazie all'MTC e ne sono molto contenta, il tuo blog è molto interessante. La tua taieddhra mi piace molto, anch'io ho scelto un riso rosso ed ho sostituito le cozze, ma il risultato sarà stato sicuramente super!
    A presto!

    RispondiElimina
  29. fantastica interpretazione, sto riscoprendo il riso rosso, anche stasera a cena l'ho mangiato tra l'altro, gradevolissimo anche in insalata

    RispondiElimina
  30. Ciao Francesca, che bella questa taieddhra! contiene pure Parmigiano Reggiano, potrebbe essere un'idea per partecipare alla Pargmigiano Reggiano Chef, il contest di parmigiano reggiano a tema "smartcooking"!
    ti ho mandato una mail con tutti i dettagli, se però hai bisogno di altre info, scrivimi su cattaneo@tribecommunication.it!
    a presto,

    Letizia

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails