lunedì 17 febbraio 2014

Strudel au citron meringuée


Per la serie "famolo strano" ecco il mio strudel per l'appuntamento con l'MTChallenge   :-D
Purtroppo il mio tempo questo mese è limitato e, nonostante la versione classica con le mele sia la  preferita in famiglia (e anche da me), il gioco ha avuto il sopravvento e così mi sono divertita a mixare due classici della pasticceria, da una parte quella austroungarica e il suo strudel, dall'altra quella francese con la tarte au citron meringuée. Come scegliere tra questi colossi della tradizione? E infatti non scelgo, e rilancio con degli ottimi limoni italiani, naturalmente, e con un po' di zenzero che abbinato al limone (e non solo, mi piace molto).
Ormai lo sapete, qua all'MTChallenge si scherza e si ammirano le ricette degli altri partecipanti (ultimamente ammiro alla fine perché altrimenti non pubblicherei più niente...), grazie a Mari per la bellissima ricetta che ci permette di spaziare dal dolce al salato e per la pasta perfetta ed elastica che ci ha descritto.
Questo gruppo è speciale e fatto da persone speciali, finalmente lunedì scorso sono riuscita a conoscerne un bel gruppetto alla presentazione del primo libro dell'MTChallenge "L'ora del patè" che potete vedere nella colonna qui di fianco, una grande emozione e una grande gioia, spero di poter incontrare tutti, prima o poi! E voi? Non l'avete ancora preso il libro? Che aspettate?




Strudel au citron meringuée con sentore di zenzero:

per i limoni canditi:

2 o 3 limoni non trattati (dipende dalla dimensione),
200 g di zucchero semolato,
150 ml di acqua.

Qualche ora prima o il giorno prima pulire bene i limoni, asciugarli, tagliarli a fettine sottili di 3-4 mm, fare bollire dell'acqua e sbollentare le fette di limone per 5 minuti, scolare l'acqua e ripetere (serve a togliere l'amaro del bianco). In un pentolino largo dal fondo spesso fare sciogliere lo zucchero nell'acqua, portare a bollore, versare le fette di limone e fare sobbollire a fuoco basso per circa 30 minuti, spegnere e lasciare intiepidire, scolare le fettine e fare asciugare stese su carta forno.



Per il curd di limone allo zenzero:

50 g di zucchero,
1 uovo,
50 ml di succo di limone filtrato,
la buccia di un limone non trattato,
40 g di burro,
1 o 2 cm di zenzero fresco grattugiato.

Unire in una ciotola resistente al calore l'uovo, lo zucchero, la buccia di limone grattugiata, lo zenzero grattugiato e il succo di limone, sbattere con una forchetta e appoggiare sopra a un pentolino con acqua in leggera ebollizione (l'acqua non tocca la ciotola) fino a raggiungere circa 85°C o fino a quando il composto si addensa velando il cucchiaio e non bolle. Lasciare intiepidire (60°C) e unire il burro a pezzetti, mescolare bene, lasciare raffreddare e conservare in frigo.

per la meringa italiana:

meringa italiana:
150 g di zucchero semolato,
2 albumi (circa 70 g),
50 g di acqua.
Montare gli albumi ma non completamente, intanto cuocere lo zucchero con l'acqua fino a 121°C e versarlo a filo sugli albumi con le fruste ad alta velocità (versare sul bordo della ciotola non sulle fruste per evitare schizzi bollenti), abbassare leggermente la velocità della fruste e continuare a montare fino a quando il composto intiepidisce. Coprire e tenere da parte.

per la salsa di accompagnamento:

4 cucchiai di meringa italiana,
2 cucchiai di lemon curd allo zenzero.

In una ciotola unire la meringa italiana e il lemon curd, amalgamare bene e conservare in frigo. 

per la pasta strudel (ricetta di Mari- Lasagnapazza):

150 g di farina 00 (per me Manitoba),
100 ml di acqua (circa),
1 cucchiaio di olio evo,
un pizzico di sale.

Scaldare l'acqua (non bollente), setacciare la farina in una ciotola, unire il sale, l'olio e poco per volta l'acqua (se serve aggiungerne pochissima per volta), lavorare, finire di impastare su una spianatoia, il composto deve risultare morbido ma non troppo appiccicoso, lasciare riposare avvolto con pellicola circa mezz'ora.

Montaggio:

20 g di burro fuso,

accendere il forno e portare a 180°C. Stendere la pasta su una tovaglia o uno strofinaccio pulito e infarinato, prima col mattarello poi aiutandosi con le nocche delle mani e tirandola delicatamente, girarla e assottigliarla il più possibile, appoggiarla sul tessuto e tirare i bordi con le dita per assottigliare anche questi, si può arrivare a circa 50 cm per lato.
Spalmare la meringa italiana fino a circa due cm dal bordo, poi versare il curd a mucchietti distanziati usando un cucchiaino, sistemare sopra le fette di limone candito (tenerne da parte alcune per decorazione).


Arrotolare la pasta da un lato aiutandosi con lo strofinaccio, piegare anche i bordi perpendicolari verso l'interno e continuare ad arrotolare, sistemare sulla teglia del forno ricoperta di carta forno, spennellare la superficie con il burro fuso e cuocere per circa 30 minuti.
Lasciare raffreddare, tagliare a fette e servire con la salsa e una fettina di limone candita.

Nota: la meringa si è un po' sciolta, la prossima volta userei una temperatura puù bassa, forse 160°C per 40 minuti circa. Comunque il sapore è deciso e la pasta croccante.





40 commenti:

  1. Ma è un'idea bellissima!!! E dato che adoro la classica torta al limone meringata figurati che effetto può farmi questo strudel...

    RispondiElimina
  2. Uno strudel decisamente insolito ma da provare!

    RispondiElimina
  3. Mai fatto lo strudel. Penso che ci vuole tanta bravura per stendere la pasta e tu devo dire sei stata bravissima, ti è venuto benissimo!!

    RispondiElimina
  4. I limoni canditi, come le fette di arancia, creano dipendenza, ne so qualcosa da Natale a questa parte! Non oso immaginare che libidine sia il tuo strudel. O meglio, meglio non ci pensi altrimenti svengo prima :D! uUn bacione, buona settimana

    RispondiElimina
  5. Questo deve essere UNA BOMBA!!! da amante dei dolci al limone sono sicura che questa tua rivisitazione sia davvero favolosa, la foto del montaggio mi ha fatto venire l'acquolina in bocca. Davvero complimenti per l'originalità.
    Bellissima la prima foto Francy, io proprio non riesco a fare le foto su sfondo nero :-(

    RispondiElimina
  6. Decisamente, questo strudel fa davvero venire l'acquolina in bocca!!!
    Un'idea grandiosa, complimenti!!!

    RispondiElimina
  7. Sono abbastanza estasiata dalla tua versione.
    Devo assolutamente rifare quei limoni strepitosi.

    RispondiElimina
  8. Questi sono dei sapori che mi piacciono da morire, e visto che di solito mio fratello mi fornisce sempre dei meravigliosi limoni biologici, questa versione non me a posso lasciare sfuggire :)

    RispondiElimina
  9. Ciao Francesca, la tua ricetta di oggi è strepitosa!! I nostri limoni sono unici al mondo e di sicuro il tuo esperimento sarà delizioso!! Mi sono appena iscritta tra i tuoi lettori fissi, così potrò seguirti con interesse!! Un abbraccio e buona giornata. Mary

    RispondiElimina
  10. Matrimonio austro-francese riuscitissimo!

    RispondiElimina
  11. Eccezionale questa commistione di ricette !

    RispondiElimina
  12. ottimo Strudel, davvero ricco, cremoso e dal sapore fresco e pulito.
    sicuramente da provare, mi segno la tua ricetta ed in bocca al lupo.
    Coscina di pollo

    RispondiElimina
  13. E' proprio una schiccheria e una golosità unica questa tua interpretazione dello strudel che mi è sempre piaciuto, in questa versione ancora di più!!Bacioni, Imma

    RispondiElimina
  14. no via, io lo sapevo. lo sapevo. ho visto la foto in anteprima poi mi ero ripromessa di passare e godermi per benino il post.
    Se questo mese hai avuto poco tempo e hai sfornato questo ben di Dio, ne avessi avuto di più cosa avresti fatto? avresti messo su una strudeleria?????
    délicieux, vraiment divin. : )))

    RispondiElimina
  15. Che meraviglia, un abbinamento che adoro, non ci avrei mai pensato per uno strudel!
    Bellissima ricetta, complimenti!!!

    RispondiElimina
  16. Originale è dir poco, un abbinamento davvero speciale. E quel "sentore" di zenzero sembra proprio il tocco in più! Peccato non poterlo assaggiare :)
    Ciao!

    RispondiElimina
  17. non ho parole, è meravigliosa sta ricetta!! complimenti!!

    RispondiElimina
  18. Ciao Francesca che piacere scoprirti!e che golosità da queste parti!!!mi studierò attentamente questa meraviglia!

    RispondiElimina
  19. uauuuu *___*
    è stupendo! Io ho riscoperto la meringa proprio in abbinamento a sapori un po' asprini e freschi, e questo tuo strudel ne è un trionfo! :)
    Chissà che bontà *_*

    RispondiElimina
  20. Uno strudel pazzesco!!!
    ma bravaaaa!!
    Lo segno subito!!
    Un abbraccio.
    Inco

    RispondiElimina
  21. Ma che idea strepitosa!!.Quelle fette di limone candito sono davvero una meraviglia, molto invitanti e poi anch'io amo molto l'abbinamento con lo zenzero. Sei stata davvero audace a pensare di mettere la meringa nello strudel, in perfetto stile MTC! Bravissima come sempre Francesca. Foto splendide!

    RispondiElimina
  22. Mi sono segnata subito la ricetta dei limoni canditi. Mai fatti e sempre desiderati, ci credi? Mea culpa!!!
    Una delle migliori ricette viste finora, complimenti!!!!

    RispondiElimina
  23. e ... qui non si frigge mica con l'acqua! porca miseria che bellezza!
    Sandra

    RispondiElimina
  24. Tu devi venire da un'altro pianeta.... davvero! Il fatto di averti conosciuta è stato la conferma.
    Solare come te, questo strudel ravviva le nostre giornate grige.
    Certo che se ce ne fosse avanzata una fettina.....
    A presto
    Nora

    RispondiElimina
  25. Premetto che io il limone lo adoro, generalmente acquisto casse da 16 Kg non trattati direttamente dalla Sicilia, perciò immagina cosa mi si è scatenato dentro quando ho visto la foto di questo strudel? Non posso non segnarmi la ricetta di tanta bontà!!! In bocca al lupo per la sfida, ho visto ricette stupende. A presto Emanuela.

    RispondiElimina
  26. Ma questo è un super strudel francesca!!! Mi incuriosisce un sacco!

    RispondiElimina
  27. oltre che ad vere una cromia meravigliosa, ha una texture splendida, il limone candito che esce a prendere la morbidezza della salsa farebbe ingolosire chiunque

    RispondiElimina
  28. Ma che beeeello!!!...e che buono!!!...mi ispira un sacco!!!...ricettina davvero originale!

    RispondiElimina
  29. Facciamo che mi appello al V emendamento, ok? perchè qui rischio davvro di compromettermi troppo. E considera che di soltio non me ne importa un fico... ;-)
    mamma mia, franci. mamma mia....

    RispondiElimina
  30. Che strudel fantastico!!!! Un idea diversa e originale:)

    RispondiElimina
  31. La tua ricetta mi piace un sacco, complimenti!!

    RispondiElimina
  32. Carissima Francesca, ma che meraviglia mi proponi? Sto svenendo davanti al monitor. Hai sfornato un dolce pazzesco e uso questo termine perchè non ne trovo altri che si adattino a descrivere una tale meraviglia. Il tuo è uno strudel bellissimo, per l'equilibrio di tutti i sapori, per il fatto di aver candito i limoni e di averli accompagnati alla meringa italiana che già qui, anche se ti fermavi, avevi creato una meraviglia. Ma no, tu hai voluto fare pure il lemon curd e con l'aggiunta di zenzero per giunta e lì mi hai steso. E ti confesso una cosa, mi sono sentita sempre un po' stupida per il fatto che mi piacesse il sapore del limone insieme a quello dello zenzero perchè nella mia testa non potevano andare insieme e quindi grazie anche solo per avermi tolto questo tabù che non osavo confessare :)
    E infine... una poesia per gli occhi...
    Grazie mille per questa tua proposta.
    Mari

    RispondiElimina
  33. che ricetta favolosa anche molto lavorata ma ne immagino il sapore e il profumo è veramente super

    RispondiElimina
  34. Cara Francesca, con questa ricetta hai colpito e affondato la sottoscritta!

    Intanto togliendomi il dubbio sull'utilizzo della meringa all'italiana all'interno di un composto da cuocere e poi unendo gli ingredienti che amo di più in assoluto.

    baci

    RispondiElimina
  35. Che meraviglia! che colori mostra e che sapori deve avere questa meraviglia!! bella tecnica e bella realizzazione. Francesca, complimenti!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails